Home | Abruzzo | Appello di Fare Verde ai Sindaci: "vietate i botti di fine anno"

Appello di Fare Verde ai Sindaci: "vietate i botti di fine anno"


Fare Verde rivolge un appello a tutti i cittadini affinché sostituiscano le rumorose esplosioni di fine anno con il botto di una buona bottiglia di spumante.

A tutti i Sindaci Abruzzesi, invece, l’associazione chiede di rafforzare l’appello ai cittadini vietando l’uso e la detenzione di botti nei giorni di Capodanno. Per rendere più facile il lavoro dei Sindaci, Fare Verde mette a disposizione un modello di ordinanza scaricabile da internet.

L’associazione fa sapere che sono sempre di più i Sindaci italiani che emettono ordinanze per vietare l’uso di botti nei giorni di Capodanno. L’Anno scorso furono più di 850, inclusi i primi cittadini di grandi città come Milano, Torino, Palermo, Bologna, Genova, Reggio Calabria. Nel 2015, in Abruzzo ordinanze anti-botti furono adottate dai quattro capoluoghi di provincia, L’Aquila, Pescara, Teramo, Chieti e da altre città come Avezzano, Sulmona, Francavilla al Mare, Montesilvano.

Quest’anno, per la prima volta, tra le città che vieteranno i botti c’è anche Roma mentre, a livello nazionale, si prevede di superare ampiamente i 1.000 comuni.

Alla base di queste ordinanze c’è la necessità di garantire l’incolumità di persone e cose ma anche la tutela degli animali sia domestici che selvatici.

A causa della soglia uditiva infinitamente più sviluppata e sensibile di quella umana, gli animali vengono terrorizzati dalle esplosioni. L’uomo ha un udito con una percezione compresa tra gli infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e gli ultrasuoni, sopra i 15.000 hertz. Cani e gatti, invece, dimostrano facoltà uditive di gran lunga superiori: il cane fino a circa 60.000 hertz mentre il gatto fino a 70.000 hertz.

Lo scoppio di botti in piena notte induce gli uccelli a fuggire da alberi, siepi e tetti delle case. Volando basso, al buio e alla cieca, i volatili rischiano l’impatto con ostacoli oppure, dopo aver percorso anche diversi chilometri, possono morire assiderati a causa delle rigide temperature invernali ed alla mancanza di un riparo.

I botti possono far fuggire cani e gatti dai propri giardini e recinti, rischiando di finire vittime del traffico o di ostacoli non visibili al buio.

Negli animali degli allevamenti come mucche, cavalli e conigli, le conseguenze delle esplosioni possono provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto da trauma da spavento.

Affinchè il Capodanno sia una festa per tutti, Fare Verde invita Sindaci e cittadini ad impegnarsi in una fondamentale battaglia di civiltà: basta botti, per favore.

 

Per scaricare il modello di ordinanza predisposto da Fare Verde:

http://fareverdeabruzzo.it/bastabotti.html

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

L’AQUILA – ALGORITMI DI MERCATO

Sbircianto via web sugli affitti e vendite nella città di L’Aquila l’occhio che cade su …