Home | Abruzzo | L'Aquila | Indagine su Cialente per induzione indebita

Indagine su Cialente per induzione indebita


Il Sindaco de L’Aquila Massimo Cialente avrebbe usato l’espressione: “Ma allora perché non fate lavorare Iannini?” mentre parlava con un avvocato di un Consorzio costituito per la ricostruzione post sisma. Ciò è quanto venuto fuori da un’intercettazione telefonica riportata nell’avviso di conclusione delle indagini recapitato al sindaco qualche giorno fa.  L’indagine trova la sua conclusione dopo due anni, diverse richieste di archiviazioni e molte contestazioni. Cialente risulta indagato con Fabrizio De Carolis (funzionario comunale) per induzione indebita più volte contestata dallo stesso Sindaco.

 

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

GIORNATE EUROPEE  DEL PATRIMONIO: LE INIZIATIVE DEL POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO

Cultura e Natura, tema scelto dal Consiglio d’Europa, al centro degli eventi del Polo Museale …