Home | News | Attualità | Ospedale di Pescina: raddoppio dei posti letto

Ospedale di Pescina: raddoppio dei posti letto


Raddoppio dei posti letto dell’ospedale di comunità di Pescina,  potenziamento della riabilitazione ambulatoriale (con un servizio aggiuntivo di 5 giorni a settimana), attivazione di un’attività ambulatoriale di chirurgia e, infine, conferma del punto di primo intervento h 24. Sono queste le iniziative messe in campo e i punti fermi ribaditi dalla Asl e illustrati questa mattina, nell’aula consiliare di Pescina, dalla direzione dell’azienda sanitaria agli amministratori regionali e locali. Erano presenti, tra gli altri, il Manager Rinaldo Tordera, affiancato dal direttore sanitario aziendale Teresa Colizza, il consigliere regionale Maurizio Di Nicola e il sindaco Stefano Iulianella, insieme ad alcuni assessori e consiglieri comunali. Una delle novità più importanti, annunciate dalla Asl, è stata l’incremento dei posti letto dell’ospedale di comunità che da 10 saranno portati a breve a 15 e, a settembre, a 20.  La Asl, inoltre, per rafforzare le prestazioni sul territorio, avvierà un’attività ambulatoriale di riabilitazione  che andrà a integrare quella attualmente garantita. Uno sforzo supplementare che consisterà in  un servizio aggiuntivo in modo da coprire 5 giorni a  settimana, per 8 ore al dì, con  l’assunzione  di 4 fisioterapisti.  Nell’ambito del ‘pacchetto’ di misure, finalizzate al miglioramento della gamma di prestazioni da erogare sul comprensorio della Valle del giovenco, figura anche l’attivazione di un’attività di chirurgia generale, che sarà svolta in regime ambulatoriale. Oltre a queste nuove iniziative, già messe a punto e  che saranno avviate in tempi brevi, dal manager Tordera è arrivata la conferma del mantenimento del punto di primo intervento h 24 a Pescina. Una notizia salutata con parole di soddisfazione dal sindaco Iulianella il quale, più in generale, ha espresso compiacimento  per le azioni di potenziamento varate dalla Asl sul territorio.  Da parte sua il manager della Asl, Tordera, ha tenuto a sottolineare l’importanza degli sforzi compiuti per alzare l’asticella dell’offerta sanitaria. “Si tratta di misure”, ha dichiarato, “che mirano a migliorare quanto già viene assicurato nel territorio e che vanno nella direzione di fornire prestazioni in loco senza che il cittadino debba spostarsi altrove.  Tali servizi aggiuntivi serviranno a rafforzare il ruolo di strutture cruciali, già presenti a Pescina, come  l’hospice e altre”

Il consigliere regionale Di Nicola, da parte sua, ha posto l’accento su una fruizione più ampia, da parte dell’utenza,  dell’ospedale di comunità di Pescina. “E’ opportuno”, ha detto Di Nicola, “che alla struttura possa accedere un numero più ampio di utenti e non solo, come accade oggi, solo quelli i cui medici hanno aderito all’accordo con la Asl che prevede lo svolgimento dell’attività all’interno dell’ospedale di comunità. In questo senso ho avanzato delle proposte alla Asl che potrebbero andare nella direzione auspicata”

 

 

 

 

 

 

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

CALCIO, IL VILLA NON CI STA: “PRENDETEVI PURE QUEI TRE PUNTI!” LA REPLICA DI CERASANI: “NON SIAMO CALCOLATORI, RACCONTIAMO I FATTI”

Dopo il comunicato del San Benedetto Venere volto a spiegare le ragioni del perché la …