Home | Altro | PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE: ALCUNI CONSIGLI UTILI

PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE: ALCUNI CONSIGLI UTILI


In seguito alla completa liberalizzazione del mercato delle forniture domestiche di elettricità e gas, noi consumatori siamo spesso sollecitati ad aderire alle nuove offerte a prezzo libero.

Quello che bisogna tutelare è sempre e comunque la libertà di scelta del consumatore; l’utente finisce, nella maggior parte dei casi, con il sottoscrivere contratti che poi, alla fine, non avrebbe nemmeno voluto concludere.

Accade, spesso, infatti che molti operatori si presentino presso le nostre abitazioni chiedendo con insistenza di visionare una nostra bolletta.

Ebbene, la Polizia Locale Associata, sta provvedendo a segnalare e controllare, in diverse regioni, alcuni agenti per l’energia che, in modo fraudolento, mirano ad acquisire dal consumatore, anche in maniera incalzante, i propri dati affinchè questi migri da un mercato all’altro.

Molto spesso vengono chiesti da questi agenti i dati relativi all’utenza di fornitura di energia elettrica, ad esempio, per confermare i dati del contratto attuale, ma in realtà, si finisce per aderire ad un’offerta commerciale per stipulare un nuovo contratto, magari anche con una nuova agenzia della stessa società.

Truffe e raggiri sono compiuti a danno degli anziani, ma anche di giovani coppie e studenti, pressati per sottoscrivere contratti a nome di persone già decedute, o di familiari assenti in casa, come segnalato da Federconsumatori, che da tempo denuncia la situazione all’Antitrust.

Il consiglio più utile è quello, dunque, di non aprire la porta a persone che si qualificano come addetti ai controlli sulle tariffe: se la società è il nostro fornitore di energia, è già in possesso delle nostre bollette e può fare tutti i controlli remoti direttamente in via telematica e non tramite agenti porta a porta.

Non bisogna dimenticare, poi che oggetto di raggiri sono, a volte, le stesse società fornitrici di gas ed elettricità, che subappaltano il lavoro commerciale ad agenzie che non sempre si attengono a pratiche di vendita corrette.

La regola è, pertanto, di cercare di capire quale società propone il nuovo contratto, non fidandosi di quello che riferiscono gli agenti, ma facendosi mostrare il contratto e le condizioni.

 

Claudia D’Orefice

 

 

 

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

Città Sant’Angelo, lista civica Responsabilità Comune:” Si dimmetta l’Amministratore Unico della Linda Spa”

“I Consiglieri comunali della lista civica ‘Responsabilità Comune’ chiedono oggi le dimissioni immediate di Guido …