29 E 30 SETTEMBRE SI CELEBRERÀ LA XVII GIORNATA NAZIONALE A.I.D.O., PROMOSSA DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA DONAZIONE DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE (A.I.D.O.)


Sabato 29 Settembre 2018 dalle ore 10,00 alle ore 14,00 presso l’Ospedale Civile di Pescara – Ingresso Visitatori e dalle ore 10,00 alle ore 19,00 presso la Galleria del Centro Commerciale Auchan Tiburtina e Domenica 30 Settembre dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presso P.zza Sacro Cuore a Pescara, i volontari A.I.D.O. Gruppo Comunale di Pescara, forniranno informazioni ai cittadini sull’importanza della donazione, come valore sociale ed opportunità per salvare la vita a chi non ha altre possibilità di sopravvivenza, ed offriranno una piantina di Anturium andreanum.
Le offerte ricevute saranno destinate ad ulteriori campagne informative ed alla ricerca sui trapianti.
Verrà, inoltre, ricordata la piccola Francesca Gerardi, la piccola bambina di 3 anni di Scafa che ha perso la vita nel mese di Luglio u.s. in un incidente stradale, i cui genitori hanno deciso di donare gli organi.

“Unisciti a noi, informati e fai la scelta giusta”. È questo il messaggio che l’A.I.D.O. vuole trasmettere, una decisione che va sentita e  che può ridare speranza,  gioia e vita!
L’impegno principale promosso dall’Associazione A. I. D. O.
è fornire informazioni utili e sensibilizzare  la cittadinanza, un impegno che vede la grande collaborazione della Dott.ssa Rosamaria Zocaro, Coordinatore Aziendale Trapianti della ASL di Pescara.

A tutti i cittadini maggiorenni è dunque offerta la possibilità (non l’obbligo) di dichiarare la propria volontà (consenso o diniego) in materia di donazione di organi e tessuti dopo la morte, attraverso le seguenti modalità:

  • Sottoscrivendo una dichiarazione di volontà presso gli Uffici Anagrafe dei Comuni (attivi con la Carta d’identità elettronica);
  • Esprimendo la propria volontà presso la ASL di appartenenza. Per la ASL di Pescara è possibile recarsi presso la Direzione Sanitaria del Presidio Ospedaliero di Pescara, Via Fonte Romana n. 8.
  • Compilando il “tesserino blu” del Ministero della Salute o del tesserino di una delle associazioni di settore, che deve essere conservato insieme ai documenti personali.
  • Compilando una dichiarazione scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), data e firma, (considerata valida ai fini della dichiarazione dal Decreto ministeriale 8 aprile 2000), anch’essa da conservare tra i documenti personali.
  • l’atto olografo dell’Associazione Italiana Donatori di Organi (A.I.D.O.).

In qualsiasi momento è possibile cambiare idea, è, infatti, valida l’ultima dichiarazione resa.

Non esistono limiti di eta’ per esprimere la propria volontà’  sulla donazione.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24