3a categoria, cade la capolista. Campionato aperto più che mai


Si è conclusa la 19ª giornata del campionato di 3ª categoria girone B. Nell’emozionante scenario che questa categoria offre fa notizia, oggi più che mai, la sconfitta della capolista Lo Schioppo. La prima da quando è in testa alla classifica. A festeggiare tra le mura amiche è il Goriano Sicoli che, dopo la vittoria esterna della scorsa settimana in quel di Trasacco, si conferma la bestia nera delle grandi in quest’ultimi rantoli di torneo. I rovetani incassano un perentorio 3-0 che non ammette repliche con il Pero dei Santi, capogruppo delle inseguitrici, che si porta a sole due lunghezze (37 punti).

È proprio il Pero dei Santi, infatti, a imporsi sull’Ovindoli nel match casalingo. A nulla servono le 2 reti degli ospiti se non ad accorciare le distanze. Velocci, Guidone, D’Amico e D’Innocenzo fissano il 4-2 finale. Oltre all’intera posta in palio il Pero dei Santi conquista, a tre gare dal termine, la concreta consapevolezza. Oggi più che mai “se puede”. Un plauso all’Ovindoli che, pur non avendo più niente da dire a questo torneo, non smette di onorare al massimo la competizione.
Torna a vincere il Plus Ultra di mister Colangelo. La vittoria esterna in quel di Canistro lancia un chiaro messaggio alle voci sulla presunta crisi. Scancella, Cancelli e Santini fissano il risultato del match. Uno 0-3 che oltre ai 3 punti porta con se un dolce retrogusto: a -4 dalla vetta con ancora 270 minuti da giocare nulla è impossibile. Il Canistro, oggi grande escluso dalla griglia playoff, proverà dal canto suo a rigenerarsi dalla sconfitta per continuare il testa a testa a distanza con il Guido Liberati. Lo Schioppo, prossimo avversario, è avvisato.

Un Vlad Sidor in splendida forma regala i 3 punti all’Aielli. Nel match al Maccallini è il Forme di patron Tiburzi a dover cedere il passo ai locali. L’1-0 finale conduce i ragazzi di Pejanovic a quota 33. Il -6 dalla vetta infuoca i tifosi e questo finale di stagione. Ottima prestazione dei ragazzi di mister Murzilli che, questa volta, non riescono a incrementare lo score positivo.
Il Guido Liberati si impone, tra le mura amiche, sul Cerchio di patron Di Domenico. L’1-0 di Montagliani su calcio di punizione illude gli ospiti. Rossetti, Tangredi e Oddi fissano il secco 3-1 per i locali. Il Guido Liberati, ora a quota 30, completa, al quinto posto, la griglia playoff. Il Cerchio, sulla scia dell’entusiasmo, prova a metterle i bastoni tra le ruote ma la caparbietà non basta.
Un doppio Grossi regala il successo al Massa d’Albe. A farne le spese è la Marsicana. La rete degli ospiti non basta. Massa d’Albe batte Marsicana 2-1.
Alex Amiconi

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24