ABRUZZO – ALLARME DEL WWF, IL FRATINO STA SCOMPARENDO DALLE COSTE ABRUZZESI


Purtroppo la notizia è stata scandita in caratteri cubitali dal delegato WWF Abruzzo, Luciano Di Tizio, che ha sottolineato come il Fratino, negli ultimi anni sono in calo le presente del volatile nelle coste abruzzesi. Di pochi giorni fa due segnalazioni di devastazione d due ambienti dove il Fratino nidificava. Il wwf anche quest’anno ha presentato il progetto SALVAFRATINO, ed in collaborazione con l’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano” in coordinamento con gruppi di volontari. Sono stati monitorati 14 siti: Biotopo Costiero di Martinsicuro, Villa Rosa di Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto, Silvi, Pescara, Ortona, Riserva “Punta Aderci”, Riserva “Marina di Vasto” con il Biotopo Costiero di San Salvo Marina, San Salvo Marina e Vasto Marina. Il fratino, ha un corpo raccolto e lunghe zampe esili. In Italia vive e nidifica sulle spiagge, praticamente lungo l’intero perimetro della penisola italiana, Sicilia e Sardegna. Il colore degli adulti, grigi sul dorso, rende questa specie difficile da distinguere dalla sabbia; gli esemplari più giovani sono privi di quelle macchie più scure che rendono gli adulti meglio visibili, con il risultato di confondersi ancora meglio tra le dune e la battigia. L’alimentazione del fratino è costituita prevalentemente da insetti, che l’uccello raccoglie direttamente al suolo o scavando piccole buche sulla sabbia. Il nido ha una presenza massima di tre uova covate per circa venticinque giorni. I piccoli vanno via  dal nido dopo qualche giorno dala nascita, seguendo i genitori per procurarsi il cibo, ma questa immediata voglia di uscire dal nido li mette a rischio predatori.

 

 

Commenti Facebook

About J P