“Accarezzando l’ignoto”, la nuova silloge poetica di Alessandra Della Quercia



“Le convenzioni imbrigliano il vivere quotidiano. Per convenzione ci si preclude di esplorare nuovi mondi e di assaporare intense emozioni. La convenzione limita, soffoca la mente, la ingabbia in preconcetti riduttivi e deleteri.

La convenzione non permette di addentrarsi in quei meandri oscuri, ma non per questo meno interessanti, che si celano dietro la facciata delle cose. È assai facile che per convenzione si viva a metà, perché si pensa: “Si fa così, si fa colà, questo non si fa!”

La convenzione è rassicurante per chi non ha la volontà, l’ardire e la curiosità di scoprire la bellezza che si cela al di là degli stereotipi. La convenzione è da pantofolai, appartiene a chi si arrende, a chi si rallegra dell’insipido susseguirsi di azioni monotematiche e conformi.

Oltrepassare quei limiti che gli schemi rigidi giornalmente ci propinano non fa che incrementare quel senso di libertà, di pienezza e di profondità che conferisce un sapore unico all’esistenza, rendendola speciale e diversa dalle altre.

È il capolavoro della vita a colori.”

Queste le tematiche che Alessandra Della Quercia sviscera nella sua silloge di poesie “Accarezzando l’ignoto”, edita Hatria Edizionie realizzata dalla Tipografia Hatria.

Come sostiene l’autrice: “Il mio libro è un inno all’autenticità, un invito a capire veramente l’altro, a dare rilevanza alla sostanza, ad accogliere ogni tipo di diversità, non condannandola, ma rispettandola.

Guardare oltre, sempre. È assolutamente necessario provare ad entrare in profondo contatto con chi abbiamo di fronte e a carpirne le sfaccettature.

Possono, poi, prospettarsi orizzonti meravigliosi o deludenti considerazioni. Ma è analizzando la totalità dell’essere che si può maturare una propria opinione sensata.

Solo così si giunge dritti all’anima di un individuo, cogliendone l’immensità o, al contrario, la pochezza.”

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti