Al Villa San Sebastiano il derby contro il Tagliacozzo. Crescimbeni: “Da ora inizia un nuovo campionato”


 

Il Villa San Sebastiano si aggiudica il derby contro il Tagliacozzo e tra i mattatori della gara entra di prepotenza, come prepotente è stato lo stacco di testa di Davide Crescimbeni, centravanti del Villa San Sebastiano, che per due anni ha vissuto vestito la casacca del biancoverde. Per lui, tagliacozzano di nascita ed ex biancoverde assieme a Di Felice, Marinova e mister Stefano Mazzei, non è stata una partita come tutte le altre. In questa stagione Crescimbeni ha segnato fino ad oggi quattro gol e l’abbiamo raggiunto per conoscere le sue sensazioni nel post derby.

Ciao Davide. Domenica una grande partita del Villa San Sebastiano in quel di Tagliacozzo, tua ex squadra, nel derby contro il tuo Villa San Sebastiano, derby terminato 2 a 0 per i rossoblù e con un tuo gran gol. Vuoi raccontarci le tue emozioni in quella partita?
“Bè… per me tornare a Tagliacozzo fa sempre piacere. Lì ho trascorso due anni bellissimi dove ho dato tutto me stesso. Mi sono legato tanto ai colori biancoverdi e lo sarò sempre.”

Ci racconti il tuo percorso da calciatore?
“Ho fatto il settore giovanile nel Pescara dagli esordienti alla Primavera, poi sono andato al San Nicolò in Serie D, poi un anno a Civitella in Eccellenza con mister Iodice, e poi i due anni al Tagliacozzo prima dell’esperienza a Luco. Infine eccomi qui al Villa dove ho ritrovato mister Mazzei.”

Proprio con Stefano Mazzi hai reso tantissimo al Tagliacozzo arrivando anche in doppia cifra. Come ti trovi a lavorare con lui?
“Apprezzo molto il modo di allenare. Secondo me è un allenatore non da prima categoria. Merita palcoscenici superiori. In altre squadre a questi livelli si punta tutto sul fisico e velocità, invece il mister cerca di inserire sempre il pallone.”

Tornando al derby, ci racconti la partita di domenica?
“Noi venivamo da un periodo non bello. Obiettivamente la squadra nostra è stata costruita per centrare i playoff. Ad inizio campionato non siamo partiti male, ma nemmeno bene. Poi abbiamo avuto una flessione e domenica contro Tagliacozzo abbiamo giocato alla grande. Abbiamo avuto un ottimo approccio, mentre loro molto, essendo una squadra molto giovane, probabilmente sentivano la partita e sono entrati un po’ contratti. Siamo riusciti ad andare in vantaggio con una bella azione corale conclusa al 25′ da Federico Morelli mentre il secondo gol è arrivato da azione di calcio d’angolo grazie ad un mio colpo di testa, dopo che ho tagliato sul primo palo. Nella ripresa il mister ci ha chiesto di abbassare i ritmi e cercare di spezzettare il gioco e di non commettere falli a ridosso dell’area di rigore poiché quest’anno stiamo soffrendo un po’ le azioni da palla inattiva. Noi soffriamo il gioco da palla da fermo. Così facendo siamo riusciti a limitarli e a non concedere nemmeno un tiro in porta.”

Quale giudizio ti sei fatto di questo campionato?
“Sarò sincero… E’ un campionato in cui nessuna squadra mi ha fatto una particolare impressione. Il Real è lì davanti grazie ad una rosa composta da elementi molto esperti. Chi mi ha davvero impressionato è stato il Tornimparte: è una squadra che ha un buon mix di giovani interessanti ed esperti e che gioca molto palla a terra. Contro di loro noi vincevamo 2 a 0 e sono riusciti a recuperarci.”

Secondo te sotto quali aspetti, se ci sono, devi migliorare?
“Intanto devo migliorare nella tenuta dei nervi. Quest’anno ho preso già due espulsioni, una contro il Pucetta in cui sono stato ingenuo a fare due falli da ammonizione a poca distanza l’uno dall’altro, mentre contro lo Sportland Celano ho sbagliato commettendo un fallo di reazione. Inoltre nelle partite decisive devo dare quel guizzo in più. Devo ripagare la fiducia che la società ripone in me e i sacrifici che hanno fatto per prendermi. Sento la responsabilità di portare la squadra ai playoff.”

 

Il prossimo turno vi vedrà impegnati contro il Venere, una squadra non semplice da affrontare capace anche di fermare la capolista sullo 0 a 0 impensierendola notevolmente. Che partita ti aspetti?
“Intanto conosco Bene Occhiuzzi, Zarini e Iezzi, giocatori bravi con cui ho avuto il piacere di giocare. Sarà sicuramente una partita tosta. Noi ora viviamo un momento euforico, ma dopo la vittoria del derby ho detto ai miei compagni che ancora non abbiamo fatto nulla. 16 punti a questo punto della staione sono pochissimi. Ora primo obiettivo è fare sei punti nelle prossime due partite, da ora per il Villa San Sebastiano comincia un nuovo campionato. Speriamo nel rientro imminente del nostro capitano Daniele Rossi.”

“Infine tengo a rivolgere un saluto e un ringraziamento a tutti i miei ex compagni del Tagliacozzo con i quali ho avuto il piacere di giocare nei due anni passati lì e a tutta la dirigenza. A tutta la squadra auguro il meglio per il futuro.”

leggi l’articolo anche su http://www.marsicasportiva.it

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24