AMADEO GIANNINI. L’ITALIANO CHE INVESTIVA NEI SOGNI DELLA GENTE


di Alina Di Mattia

Uno straordinario personaggio, un precursore dei tempi, colui che fondò la Banca e non una Banca qualsiasi, bensì quella più importante al mondo, e neppure la Banca come la conosciamo oggi, ma la Banca come dovrebbe essere.

La storia di un banchiere intuitivo e sagace che cambiò le sorti di San Francisco e di centinaia di italo-americani. L’uomo che investendo sul popolo, investì sul suo futuro.

Il nome di Amadeo Peter Giannini campeggia sulla piazza a lui intitolata nei pressi del Financial District di San Francisco, la città che deve la sua rinascita proprio a questo gigante di origine italiana quasi del tutto sconosciuto in Italia e meno famoso, ahimé, di Vito Corleone!

Eppure senza di lui oggi non esisterebbe il celeberrimo Golden Gate Bridge e forse non avremmo visto neppure i film di Walt Disney. Senza Giannini, probabilmente, Charlie Chaplin  sarebbe rimasto un perfetto sconosciuto.

 

Inserito tra i “builders and titans” che hanno fatto la Storia degli Stati Uniti d’America ed omaggiato nel 1973 dal servizio postale americano con l’emissione di un francobollo con il suo ritratto, Amadeo Peter Giannini fu un uomo d’affari incredibile e lungimirante che  rivoluzionò completamente il modo di fare Banca. Fu il primo banchiere a credere negli imprenditori e nei loro progetti in un periodo in cui le Banche concedevano mutui soltanto a chi aveva già soldi, il primo a servirsi della pubblicità, il primo a finanziare la vendita a rate di un’automobile, il primo ad offrire prestiti alla classe operaia.

Frank Capra, divenuto uno dei suoi più cari amici, lo ringraziò a suo modo immortalandolo nel personaggio di George Bailey de ‘La vita è meravigliosa‘.

Chi era Amadeo Peter Giannini? Partiamo dall’inizio.

Nato nel 1870 da genitori provenienti da Favale di Malvaro (GE) emigrati negli Stati Uniti in cerca di fortuna, Giannini inizia a lavorare giovanissimo nel mondo del business. Quando gli viene affidata l’amministrazione della Banca Columbus Saving & Loan, questi propone al Consiglio di Amministrazione di puntare su operai e migranti desiderosi di migliorare la loro vita e quindi potenzialmente ottimi clienti. Al rifiuto del Consiglio di cambiare strategia, Giannini si licenzia e decide di aprire una sua Banca all’interno di un saloon, cominciando a prestare soldi a piccoli artigiani e commercianti italiani che trovavano ovunque le porte sbarrate. In poco tempo la sua Bank of Italy raccoglie 700 mila dollari in depositi, una cifra che oggi equivarrebbe a 15/20 milioni di dollari!

All’alba del 18 aprile 1906, un devastante terremoto colpisce San Francisco. Mentre le altre Banche chiudono, Giannini piazza due botti di vino e un’asta di legno sul molo e comincia a promettere credito a tutti. La garanzia? I calli sulle mani e una stretta di mano. Offre denaro a mercanti, operai, agricoltori che hanno perso tutto e vogliono ricominciare. Finanzia le aziende agricole degli italiani, investe sul cinema muto quando ancora Hollywood e le sue ricche potenzialità erano sconosciute, presta i soldi a Walt Disney per la realizzazione di ‘Biancaneve e i sette nani’, contribuisce alla costruzione di uno dei ponti più famosi al mondo, il Golden Gate.

A lui si devono gli aiuti all’Italia del Piano Marshall con prestiti senza interessi. Inoltre, il suo sostegno è fondamentale per far ripartire gruppi industriali come la Fiat, a cui presta denaro sufficiente a riprendere l’attività produttiva.

Quando nel 1949 Giannini muore, la sua Bank of Italy, divenuta nel frattempo Bank of America, è la prima Banca al mondo. Al suo funerale a San Francisco, nella stessa piazza che porta il suo nome, insieme agli esponenti dell’alta finanza prenderanno parte operai, mercanti, contadini e gente comune che il grande italiano ha aiutato quando le porte delle altre banche erano chiuse. Sebbene avesse potuto diventare miliardario, alla sua scomparsa il suo patrimonio è valutato circa cinquecentomila dollari, poiché per anni rifiutò stipendio e premi annessi.

Una targa all’ingresso dell’edificio della Bank of America a San Francisco recita ‘Ad Amadeo Peter Giannini, fondatore della Bank of Italy.[…] Alla sua filosofia di servizio per tutti, sono dedicati questo edificio e tutte le persone che hanno lavorato per la banca che lui ha ispirato’.

Peccato che tale filosofia sia tristemente terminata e che le Banche siano tornate al servizio della Finanza dimenticando quella forza lavoro costruttiva e produttiva, quel motore che anima chi crea ma non avrà mai i mezzi giusti per realizzare progetti, proprio quella gente che Giannini amò tanto e che trasformò il volto di San Francisco immortalando per sempre uno straordinario e lungimirante italo-americano in un gigante della Storia.

 

Articoli correlati dello stesso autore:

Un abruzzese tra i firmatari della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d’America

Quel canto popolare abruzzese diventato uno dei più grandi successi di Domenico Modugno

Commenti Facebook

About Alina Di Mattia

Alina Di Mattia
Autrice, conduttrice e responsabile di produzione di grandi eventi istituzionali. All'attività artistica e manageriale ha affiancato quella di scrittrice freelance. Si è occupata spesso di tematiche sociali ed ha all'attivo diverse pubblicazioni tra cui il saggio "Erano gli anni della TV dei ragazzi". E' tra i vincitori del Premio giornalistico Angelo Maria Palmieri 2018.

Potrebbe interessarti:

Fano Adriano, grande successo per l’evento della Delegazione FAI l’eremo sotto le stelle

Un’altra bella manifestazione targata Delegazione FAI Teramo, in collaborazione con le associazioni locali, è giunta …