Attentato a Monaco. Giovani marsicani vicinissimi al luogo dell'attentato


Monaco una città spettrale, irriconoscibile, dove prevale un clima di “guerra”, ovunque il sottofondo delle delle sirene, le uniche persone lungo le strate sono poliziotti ed esercito. Così gli aiellesi presenti a Monaco di Baviera hanno descritto il clima che si vice dopo l’attentato odierno.

Siamo tutti molto scossi –  afferma un aiellese, eravamo in visita a Monaco di Baviera per festeggiare l’addio al celibato di un nostro amico, ci siamo ritrovati nel bel mezzo della sparatoria, eravamo solo a 200 metri dall’attentatore. Alla vista di un numero gruppo di persone che fuggivano verso di noi, abbiamo deciso di rifugiarci all’interno di un locale.

Enzo Di Natale“Ho sentito i nostri concittadini a telefono”, ha dichiarato il Sindaco di Aielli Enzo Di Natale. “Con sollievo ho constatato che stano bene. Mi auguro che questo incubo finisca presto. A nome della comunità di Aielli esprimo solidarietà e vicinanza al popolo tedesco che sta vivendo momenti terribili.

I giovani al momento stanno bene e sono ancora barricati all’interno del locale presidiato dalla polizia.

13087807_10209433038372954_3791974794527457842_n 11988305_10207307117266549_5379435464863999733_n 199745_1006737059803_9552_n

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24