AVEZZANO. ATTI PERSECUTORI LA VICENDA FINISCE IN TRIBUNALE


La gelosia a volte ci porta a non ragionare e altre ad agire nel modo peggiore. Questo è quello che è capitato ad un uomo  di Avezzano. L’uomo, da tempo, si era convinto che un suo vicino di casa fosse l’amante della sua compagna. Nulla è servito a rassicurarlo e a fargli cambiare idea.

Con il tempo, la sua convinzione, lo ha portato ad assumere atteggiamenti aggressivi e denigratori nei confronti del vicino. È arrivato ad offendere l’intera famiglia, compresi i figli, e a minacciarlo che avrebbe attentato alla sua incolumità. Avrebbe perseguitato la vittima con telefonate a tutte le ore, con passaggi sotto la casa, e addirittura gli avrebbe anche sputato addosso in più di un’occasione. Tutta una serie di atti persecutori, che avrebbero indotto la vittima a sviluppare stati di ansia e attacchi di panico.

In seguito a questi eventi,  l’uomo  di Avezzano, è comparso davanti al giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Avezzano, Carla Mastelli.  

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24