AVEZZANO. MAZZOCCHI:​ “LA SICUREZZA DEI NOSTRI FIGLI, NULLA E’ STATO FATTO A RIGUARDO”


“Viste le proclamazioni ed incensamenti vari sull’argomento SCUOLE SICURE da parte dell’attuale amministrazione comunale, ritengo necessario che il cittadino di Avezzano sia correttamente informato. – lo scrive in una nota Felicia Mazzocchi –  Come consigliere della Provincia dell’Aquila è innanzitutto doveroso precisare che tutte le scuole superiori di Avezzano sono di proprietà della provincia e sono state messe in sicurezza, dopo attenta analisi ministeriale condotta da RELUIS nel periodo dal 2011 al 2014 sostenendo una spesa di circa 30 milioni di euro.

Attività svolte dalla provincia dell’Aquila a fronte di risorse di cui alla delibera Cipe 47/2009 e messe a disposizione dalla regione Abruzzo, governata da Chiodi, su un monte generale regionale di euro 226.000.000.

La cifra assegnata al comune di Avezzano, disponibile fin dal 2012 è di circa 22 milioni di euro.

La provincia nel periodo 2011/2014 ha proceduto alla messa in sicurezza degli istituti: Commerciale geometri, Agrario, Artistico, Pedagogico, Liceo Classico ed ha realizzato la nuova costruzione del Liceo Scientifico, primo istituto sicuro al 100% del centro sud Italia. Purtroppo il Sindaco del Comune di Avezzano, con i soldi in tasca, non ha avuto lo stesso sprint a tutela dei più piccoli (come noto le scuole a carico del Comune sono quelle dall’infanzia alle medie inferiori).

In cinque lunghi anni è stata terminata la Vivenza e costruita solo l’elementare di borgo Angizia. Il Consiglio comunale ha stravolto gli orientamenti del sindaco Floris che prevedevano la realizzazione di 3 plessi, preferendo localizzare gli istituti in zone, come via Puglie, dove la viabilità risulta davvero carente e congestionata e comunque assolutamente inadeguata ai flussi di traffico prevedibili.

Ora, a parte le considerazioni di carattere politico sulle scelte delle ubicazioni, quello che mi preme mettere in evidenza è lo scorrere inutile del tempo senza realizzare opere indispensabili per la sicurezza dei nostri figli, altresì, l’inevitabile conseguenza degli esosi costi sostenuti, visti gli affitti pagati per Noesis (360.000 euro l’anno per 5 anni, avremmo potuto costruirci un’altra scuola!).

E se non fosse stato per i lavori fatti dalla Provincia dell’Aquila e la concessione di aule degli istituti superiori come, ad esempio, Ragioneria che ha ospitato tutta l’elementare San Simeo e l’ITIS in soccorso alla Don Bosco per la metà degli studenti, avremmo speso ulteriori denari della nostra comunità.

NON BASTA!

Quando proposi all’amministrazione comunale, all’indomani del terremoto di Amatrice e dei preoccupanti esiti di vulnerabilità degli edifici scolastici comunali esistenti, di affittare i moduli provvisori da mettere sulla piattaforma realizzata dalla provincia per i containers del costruendo liceo scientifico, mi risposero che non se ne parlava nemmeno. Questa l’altissima considerazione della giovane popolazione scolastica avezzanese da parte del Sindaco uscente.

NON BASTA NEMMENO QUESTO!

Se avessero almeno terminato la costruzione – conclude Mazzocchi – del nuovo comune sismicamente sicuro, sai quanti studenti potevano seguirci le lezioni, ma purtroppo, neppure a parlarne, . . . . ma questa è un’altra storia!

Un pastrocchio del quale ne basterebbe metà! ”

Felicia Mazzocchi

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24