BERARDINETTI SU TAGLIACOZZO: “CENTRO DI ECCELLENZA PER LE RIABILITAZIONI CARDIOLOGICA E NEUROMOTORIA”


L’Assessore Regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, nel corso dell’incontro che si è svolto lunedì 30 novembre nella sala consiliare del Comune di Tagliacozzo, ha affermato: “L’ospedale di Tagliacozzo non subirà né tagli ai posti letto, né, tanntomeno, riduzioni alcune come per ese,pio il punto di primo intervento, PPI, che resterà aperto 24 ore”.
All’incontro sono intervenuti anche il Direttore Generale della Asl, Giancarlo Silveri, il Presidente del Consiglio Regionale, Giuseppe Di Pangrazio, il Consigliere Regionale, Lorenzo Berardinetti, e il Sindaco, Maurizio Di Marco Testa.
L’inziativa è stata promossa da Berardinetti, come da lui stesso dichiarato, “Per far conoscere a tutti i cittadini e agli operatori ospedalieri quello che è prevista nella nuova organizzazione sanitaria della Regione Abruzzo. È stato un incontro molto proficuo, dove finalmente si è potuto comprendere che la Marsica non subirà ridimensionamenti; avrà, al contrario, un’attenzione particolare e un’offerta sanitaria territoriale e ospedaliera calata sulle esigenze dei cittadini”.
E sul presidio di Tagliacozzo, Berardinetti ha aggiunto: “L’Assessore Paolucci è stato chiaro: non sarà, in alcun modo, oggetto di ridimensionamento o, peggio ancora, di chiusure di reparti, e avrà, al contrario, un potenziamento di strutture e di strumenti”.
Nella fattispecie, secondo quanto spiegato da Berardinetti, la riabilitazione neuromotoria e quella cardiologica manterranno i 40 posti letto, insieme alla realizzazione, sempre per la medicina riabilitativa, di una palestra per i pazienti ambulatoriali.
Il Consigliere Regionale Berardinetti ha poi fatto presente che rimarrà attivo, a Tagliacozzo, il presidio di primo intervento articolato nelle 24 ore, specificando che: “ I Ppi sono importanti perché dispongono di competenze cliniche e strumentali adeguate a fronteggiare e stabilizzare, temporaneamente, le emergenze fino alla loro attribuzione al pronto soccorso di riferimento e sono in grado di fronire risposte a situazioni di minore criticità e bassa complessità. Anche la diagnostica strumentale (Radiologia) sarà rimodulata sulle necessità del punto di primo intervento, così come anche il laboratorio di analisi, l’endoscopia digestiva e le attività del servizio di dialisi. A questo va aggiunto”, ha concluso Berardinetti, “che saranno mantenute ed implementate tutte le attività tipiche dei presidi territoriali di assistenza, come le attività ambulatoriali, le attività afferenti il servizio di guardia medica, l’ospedale di comunità e tutte le attività afferenti al centro unico di prenotazione”.

Claudia D’Orefice

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24