Case ATER, legge ferma in Regione da 17 mesi per vicissitudini politiche


Avezzano(AQ). Si è svolto nei locali dell’ex ARSSA di Avezzano l’incontro organizzato da Federcasa per parlare del problema delle case, del rapporto tra domanda ed offerta e delle soluzioni da ricercare per le tante criticà riscontrate. Presenti Francesca Aloisi, direttore Ater L’Aquila e l’Assessore Regionale alle Infrastrutture Donato Di Matteo.foto arssa

Il convegno, di ampio respiro ed interesse nazionale, ha toccato il tema del disagio abitativo, grana della società attuale, ed ha approfondito il tema legato all’edilizia residenziale pubblica.

Già dallo scorso agosto nella deliberazione di G.R. n. 687 del 12/08/2015, presentata dall’assessore Di Matteo sono stati stabiliti i criteri e tipologie di intervento, per la formulazione del Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Francesca Aloisi ha esposto i numeri, che parlano di una richiesta nella sola provincia di L’Aquila pari a 8mila famiglie. Gli appartamenti attualmente sono tutti occupati ma la morosità è elevata, pertanto la Aloisi ha evidenziato la necessità di aiutare chi non è in grado di pagare, ma anche e soprattutto di sanzionare coloro che marciano sul problema e non pagano.

L’Assessore Di Matteo ha chiarito, nel corso del suo intervento, che la Regione Abruzzo ha ereditato una situazione non facile in quanto i soldi che sarebbero dovuti essere destinati alle abitazioni sono stati spostati sulla sanità,vera piaga nella nostra Regione. Peraltro, Di Matteo ha evidenziato come in Abruzzo ci siano 5 Ater, eccessive se rapportate agli abitanti (1milione e 250mila), e che queste vadano razionalizzate, contro la volontà, aggiungiamo noi, dei soliti noti che hanno scambiato gli entri provinciali per poltronifici.

“L’edilizia sociale – afferma l’Assessore – non ha più realizzato case e quelle esistenti non sono manutentate per mancanza di fondi. Nel dettaglio gli affitti vengono utilizzati per la manutenzione ordinaria e le vendite per quella straordinaria” ha spiegato Di Matteo.

A nulla avrebbe portato il tentativo di aumentare il canone di affitto. L’assessorato ha proposto, spiega Di Matteo, di far rientrare in vendita nel circuito dell’Ater con convenzioni particolari gli immobili invenduti dei costruttori privati, per far si che vengano venduti a prezzi minori.

In sostanza la legge che dovrebbe dare la soluzione politica alle possibili 24mila vendite è ferma in Regione Abruzzo da 17 mesi per diverse vicissitudini politiche.

D.D.N.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24