CELANO. ACCOLTO IL RICORSO DEL DIPENDENTE COMUNALE NAZZARENO CAFERRA


Accolto il ricorso, presentato presso il Tribunale del Riesame di L’Aquila, del dipendente comunale Nazzareno Caferra, coinvolto nell’inchiesta “Acqua fresca”.

Il tecnico comunale era stato sospeso dal suo impiego il 6 maggio.

I reati contestati a vario titolo sono:“turbata libertà degli incanti” e “falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici”.

Il collegio giudicante,   ha accolto l’appello “e, per effetto, ha  ordinato l’immediata cessazione di efficacia della misura interdittiva in atto”.

Caferra è difeso da all’Avvocato Stefano Guanciale.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24