CELANO. CONVEGNO PUBBLICO ALL’AUDITORIUM FERMI PER ILLUSTRARE IL PROGETTO DELL’IMPIANTO DI PRODUZIONE DELLA BIOMETANO ENERGY


La società Biometano Energy srl, promotrice di un progetto per la produzione di biometano da sottoprodotti agricoli a Collarmele (Aq), ha deciso di organizzare un convegno pubblico con lo scopo di presentare a tutti gli interessati le caratteristiche principali dell’impianto e di dare la possibilità ai cittadini del Fucino ed alla stampa di formulare domande sull’attività specifica che verrà svolta dall’impianto. L’alimentazione dello stesso sarà costituita da residui di lavorazione e sottoprodotti delle attività agricole ed agro-alimentari già prodotte localmente e già presenti sul territorio. La produzione prevede, oltre al biometano da destinare all’autotrazione, anche la produzione di un fertilizzante-ammendante, particolarmente apprezzato dagli agricoltori soprattutto all’interno dei protocolli delle coltivazioni biologiche, e recupero di anidride carbonica liquida per uso alimentare.

Il convegno si svolgerà, per gentile concessione del comune di Celano, presso l’auditorium E. Fermi dello stesso comune di Celano, che è l’unica sala disponibile abbastanza capiente presente in zona vista l’alta affluenza di cittadini prevista, con inizio dalle ore 10.30 di sabato 29 febbraio p.v.

La Biometano Energy srl inviterà a presenziare al convegno Confagricoltura, come rappresentante delle categorie professionali interessate, Legambiente, come rappresentante delle istanze ambientaliste, esperti delle professioni tecnico-scientifiche, rappresentanti dell’ammin istrazione della Regione Abruzzo, i Sindaci dei comuni di Collarmele, Pescina e San Benedetto dei Marsi ed Il Comitato Salute Ambiente e Territorio Marsica Est. Al convegno sarà presente in qualità di moderatore il dott. Sergio Ferraris, direttore della rivista QualEnergia.

Il progetto proposto dalla Biometano Energy srl è stato autorizzato dalla Regione Abruzzo in data 10 febbraio 2020 e sarà dotato, come risultato delle sollecitazioni dei comuni di Collarmele, Pescina e S. Benedetto dei Marsi, di protocolli di monitoraggio e di valutazione periodica che certificheranno il rispetto di tutte le norme ambientali, di sicurezza ed anti-inquinamento . In particolare verranno installati pozzi piezometrici per il monitoraggio della falda acquifera, verranno svolte periodiche indagini di campionamento olfattivo, acustico ecc. tale da renderlo probabilmente l’impianto per la produzione di biometano da sottoprodotti più controllato e monitorato d’Italia.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24