CERCHIO. IL COMUNE ADOTTA REGOLE PIU’ RIGIDE PER CONTENERE IL DIFFONDERSI DEL COVID-19


Anche Cerchio, così come altri Comuni in tutto il territorio nazionale,  ha adottato misure ancora più rigide per tentare di contenere il diffondersi del Coronavirus, applicando delle restrizioni volte a far rispettare il Decreto sull’Emergenza.  

Ecco le nuove misure adottate dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Gianfranco tedeschi:

1.            nel territorio comunale sono vietate tutte le attività motorie e sportive all’aperto;

2.            è possibile attendere alle esigenze primarie degli animali d’affezione per il tempo

strettamente necessario e comunque in aree contigue alla propria residenza, domicilio o dimora ovvero nel raggio di max 400 metri;

3.            in tutto il territorio comunale è vietato circolare a piedi o con velocipedi salvo i casi

di spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, di salute o situazioni di necessità, nelle quali rientra l’approvvigionamento alimentare e quello relativo ad altri beni di primaria necessità presso gli esercizi commerciali;

4.            a eccezione delle attività di farmacie e parafarmacie, fino al 3 aprile 2020, lo svolgimento delle attività commerciali previste all’allegato 1, del D.P.C.M. 11 marzo 2020, è consentito, fatto salvo il rispetto delle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di settore, tutti i giorni tra le ore 07:00 e le ore 21:00;

5.            i titolari e/o gestori delle attività di cui al punto 4, al fine di evitare assembramenti

di persone, devono obbligatoriamente organizzare l’accesso ai predetti  luoghi  con modalità contingentate. All’interno dei locali aperti al pubblico deve essere rispettata la distanza di almeno un metro tra gli avventori. Il personale impiegato nelle attività a contatto con il pubblico deve essere protetto con appositi DPI;

6.            la cittadinanza   è tenuta prioritariamente a effettuare l’approvvigionamento

alimentare e quello relativo ad altri beni di primaria necessità presso gli esercizi commerciali presenti nel proprio territorio. In caso di ulteriore necessità può spostarsi nelle attività Commerciali abilitati alla vendita alimentare, ricadenti nei territori dei Comuni limitrofi:

e/o in ogni caso nelle immediate vicinanze del luogo in cui è svolta l’attività lavorativa o presenti, lungo il percorso ricompreso tra le sede di lavoro e i propri residenza, domicilio o dimora;

7.            la  cittadinanza  è  sempre  tenuta  a  rispettare  il  principio  secondo  il  quale  negli

spostamenti deve essere percorso il tragitto più breve per raggiungere il luogo di destinazione;

Le violazioni alle suddette disposizioni sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da euro 25,00 a euro 500,00, fatte salve le sanzioni per ulteriori illeciti.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24