CHIETI. INAUGURATO IL NUOVO PIAZZALE DI SOSTA E MANOVRA TUA


Funzionalità, sicurezza, strategicità dell’area ma, soprattutto, abbattimento dei costi sono i tratti distintivi della nuova opera che è stata inaugurata questa mattina in via Aterno, nei pressi dell’uscita dell’asse attrezzato Chieti-Brecciarola, un’ubicazione strategica lungo la direttrice stradale Roma-Pescara.

In 62 giorni l’Azienda Unica della Regione Abruzzo è riuscita a portare a completamento un’opera che garantisce indubbi vantaggi, non ultimo quello che riguarda le casse di TUA grazie ad un abbattimento dei costi di oltre il 50 per cento rispetto alla vecchia sede di via dei Peligni.

Con l’acquisizione dell’AUA, Autorizzazione Unica Ambientale, si è conclusa la prima fase di realizzazione dell’opera, quella dell’approntamento del piazzale di sosta e manovra, con il trasferimento degli autobus e del personale all’interno del piazzale.

Rispettando alla lettera il cronoprogramma degli interventi richiesti nell’avviso pubblico della manifestazione di interesse, sono state portate a termine le opere di realizzazione dei sottoservizi (fogne, illuminazione, varchi, ecc.), l’impianto di trattamenti delle acque di lavaggio, l’installazione dell’impianto di prima pioggia e quello di erogazione del carburante fuori terra con vasca di contenimento antitracimazione (attivo nei prossimi giorni) con le relative autorizzazioni di legge previste.

Il nuovo piazzale di sosta e manovra che può accogliere 30 autobus e 10 autovetture, presenta una superficie di 4500 metri quadrati pavimentato con conglomerato bituminoso, idoneo al traffico pesante, segnaletica stradale e di sicurezza (orizzontale/verticale), completamente recintato, illuminato con fari a led su pali, varchi carrai separati per consentire l’accesso e l’uscita dei mezzi, un collegamento direttamente sulla strada principale, viabilità per il transito di autobus anche di tipo snodato, un sistema di interdizione degli accessi ai non autorizzati (cancelli, sbarre, etc.), l’accesso pedonale ed un impianto di videosorveglianza a circuito chiuso.

In altri termini, in 62 giorni è stata completata la prima fase degli interventi che ha previsto la realizzazione dei sottoservizi (fogne, illuminazione, varchi, ecc.), l’installazione dell’impianto di prima pioggia e l’installazione dell’impianto di erogazione di carburante.

La seconda fase che si concluderà entro il 17 ottobre 2020, prevederà l’installazione dell’impianto di lavaggio degli autobus con il depuratore acque lavaggio, la realizzazione della tettoia metallica di protezione con rifornimento e lavaggio dei bus con il box metallico servizi, l’installazione dell’impianto di erogazione dei carburanti con serbatoio interrato a doppia camera, la realizzazione di una struttura per il personale viaggiante (verrà realizzata entro agosto 2020) e la realizzazione di opere di finitura/imprevisti in corso d’opera.

Il nuovo impianto teatino della TUA permetterà di gestire alcune operazioni tecniche di manovra senza rischi come, invece, avveniva nella vecchia sede, come ad esempio l’uscita su strada senza semaforo o quella in retromarcia dall’officina o l’elevata pendenza delle corsie di accesso al fabbricato e le diverse interferenze di viabilità.

Ai risparmi in termini di fitto dell’area se ne sommano anche altri: per poter infatti adeguare il vecchio immobile alle prescrizioni dei vigili del Fuoco e ambientali, TUA avrebbe dovuto effettuare un investimento di circa 270mila euro su un immobile di proprietà di terzi.

“A fine novembre avevamo annunciato che a febbraio Chieti avrebbe avuto una nuova sede idonea, sicura, in linea con le previsioni legislative – ha detto il Presidente di Tua Spa, Gianfranco Giuliante all’inaugurazione del nuovo impianto in via Aterno – e oggi siamo qui ad inaugurare un altro obiettivo aziendale raggiunto. Oltre agli aspetti che afferiscono in generale alla sicurezza, il nuovo immobile è molto funzionale e si incardina in un discorso di mobilità estremamente efficace. Inoltre – ha sottolineato il presidente di TUA – l’opera garantisce un risparmio significativo per le casse di TUA che si quantifica nell’ordine del milione di euro in termini di minori canoni e realizzazione lavori. La vecchia struttura aveva fatto emergere delle criticità come la mancanza del’impianto di dilavamento, lo svolgimento delle manovre all’interno della struttura e l’elevata pendenza dei terrazzamenti, e per questo motivo siamo soddisfatti che in poco più di due mesi abbiamo eliminato degli aspetti critici che, di fatto, si erano cronicizzati trovando una soluzione ottimale”.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24