Sondaggio elezioni regionali abruzzo 2019

Come puntare sul calcio senza rischi eccessivi


In Italia, scommettere sul calcio è una sorta di sport nazionale. Per il popolo italiano, il pallone è molto più di uno sport, poiché è caratterizzato da un forte potere di aggregazione: ogni partita si trasforma in un’occasione unica che avvicina i tifosi ai propri idoli, creando un argomento di discussione sempre attuale per la gioia degli appassionati.

L’ambiente del gioco e dei pronostici è molto familiare a chiunque segua una squadra o un torneo in particolare; il betting nasce per coniugare l’abilità nell’elaborare pronostici concreti con un ritorno economico sulle proprie previsioni.

Ma il calcio si sa, è un gioco inesatto per eccellenza, riserva infinite sorprese e colpi di scena che, spesso, non si rivelano prima della fine di un match. Anche per questo, quello del calcio è un campo che può rivelarsi molto fruttuoso per le scommesse. É cosa nota che, in un territorio che comprende infinite possibilità come quello del betting, vi sono però altrettanti rischi.

Come ci si può orientare in questo universo di scommesse realizzabili? Qual è la giocata che mi consente di vincere molto puntando poco? Partiamo dalle basi.

L’importanza della conoscenza

Analizzare una scommessa è un aspetto determinante per trarne profitto. La fase di studio che precede la giocata dovrà quindi essere accurata e mai trascurata. Esistono diversi fattori fondamentali che bisogna conoscere per realizzare un pronostico veritiero. In relazione all’evento di proprio interesse, sarà opportuno conoscere: le squadre, i singoli giocatori, l’analisi delle due formazioni, i risultati delle ultime sfide, i gol segnati e quelli subiti, gli eventuali infortuni e le squalifiche, andando ad approfondire anche gli sviluppi più recenti, che, anche se non incidono direttamente sull’esito possono rivelarsi utili per farsi un’idea di cosa potrebbe accadere nella partita. Inoltre, sarebbe opportuno studiare anche l’andamento delle stagioni precedenti della stessa competizione. Eseguire un’analisi completa di questo genere è importantissimo per individuare la giocata migliore. Tra i tanti siti web di scommesse sportive che offrono agli utenti approfondimenti, statistiche e dati aggiornati spicca ovviamente lo storico marchio SNAI, che dal 1990, iniziando con l’ippica, e poi con le scommesse sportive, è stato pioniere nel settore del gioco a distanza e nella raccolta telematica e che si è evotuto negli anni per offrire agli italiani un palinsesto molto ampio con cui tentare l’impresa, ma soprattutto, che offre una zona “risultati” estremamente capillare e aggiornata, e che facilita la previsione della giocata.

Mai fidarsi solo delle quote

La quota prevista dal gestore per una scommessa può essere equilibrata alla quantità di denaro puntata dallo scommettitore. Interviene però un moltiplicatore che regola la probabilità diversa degli eventi. Esempio: una sfida tra una squadra di Serie A ed una di Lega Pro che si affrontano in Coppa Italia. Scommettendo sulla vittoria della squadra di Serie A, la probabilità che il risultato sia in linea con la previsione è alta; allo stesso modo, il giocatore avrebbe basse probabilità di riuscita qualora puntasse sulla squadra di Lega Pro. Affinché il banco accetti la puntata sulla squadra di Serie A vincente, lo scommettitore dovrà accettare una quota relativamente bassa e, qualora avesse successo, dovrà accettare di vincere poco di più di quanto ha puntato.

Attenzione: mai fidarsi solo delle quote! Più si è informati, più ci si potrà fidare del proprio istinto ed uscire dalla logica dei freddi numeri.

Come intendere le quote

La quota esprime in modo numerico il rapporto tra puntata e potenziale vincita. Una quota bassa indica un evento il cui esito sia quasi certo; al contrario, una quota elevata indica un evento che difficilmente si realizzerà. Una quota si può intendere anche in base al numero di volte in cui si presume che un esito si verifichi in termini statistici: se la vittoria dell’Udinese con la Fiorentina è data a quota 3.00, il bookmaker ritiene che, su tre partite Udinese-Fiorentina, la formazione bianconera vincerà una volta.

Mantenersi nel limite del budget è importante!

Per ricavare un reale profitto dalle proprie giocate bisogna monitorare attentamente le proprie spese. Calcolare il proprio budget a seconda di un’attenta analisi delle proprie finanze è un aspetto fondamentale per quantificare gli investimenti e farsi un’idea del denaro impiegato nell’arco di un determinato periodo di tempo e di quello che si è riusciti a far fruttare.

Inoltre, mantenere una posizione distaccata rispettando i limiti imposti dal proprio budget massimo aiuta a non cadere in un gioco frenetico e fuori controllo.

Il trucco: uno dei trucchi per vincere senza troppi rischi si basa sulla capacità personale di sapere perdere. Sapersi fermare nel momento opportuno è la chiave per vincere alle scommesse e trasformare le vincite in guadagno. A tal proposito, fissare un limite di bet giornaliero aiuta molto.

Suggerimenti sui metodi di gioco

Nel mondo delle scommesse calcistiche esistono eventi più giocati ed altri che vengono scelti molto raramente dagli scommettitori.

Esistono delle strategie che permettono di calcolare le probabilità di un avvenimento basandosi sulle quote. Esempio: Juventus – Lazio con la prima squadra data vincente a 1,20 e la seconda data vincente a  3,50. È possibile stabilire la probabilità dei due eventi dividendo 100 per il valore della quota. In questo caso, il calcolo diventa: probabilità (Juve)= 100 / 1,20 = 83%; probabilità (Lazio) = 100 / 3,80 = 26%.

Va detto però che basare le proprie giocate interamente su questo calcolo è sbagliato: a volte i bookmaker gonfiano o sgonfiano qualche quota scommessa al fine di veicolare le puntate. Anche per questo è importante supportare il proprio istinto con una buona conoscenza degli equilibri in campo, poiché solamente così potranno nascere dei pronostici realmente affidabili.

Un buon metodo di gioco è quello della scommessa ripetuta: in termini pratici, bisogna effettuare un’attenta suddivisione del budget, si prendano come esempio 10 puntate da 4 euro ciascuna, scommettendo su una quota 6. Ogni vincita può generare un potenziale guadagno di 24 euro.

Questo si traduce in un rientro della spesa con solo 2 vittorie centrate, mentre tutte le altre eventuali vittorie si tradurranno in un un netto profitto.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24