COVID-PARTY: ALLARME PER LA NUOVA MODA DEI GIOVANI PER CONTAGIARSI E SVILUPPARE L’IMMUNITA’


Quella dei Covid Party è l’ultima folle moda che viene dagli Stati Uniti, dove le autorità hanno lanciato l’allarme.

Lo scopo è quello di mischiarsi a persone positive al virus in modo da infettarsi e sviluppare anticorpi, per poi tornare ad una vita del tutto normale.

I giornali locali spiegano che si sta diffondendo soprattutto nello stato di Washington, primo focolaio della pandemia in Usa, dove i casi hanno superato le 15mila unità con 834 vittime. “È inaccettabile ed irresponsabile – ha commentato Meghan DeBolt, direttrice dell’assessorato alla Sanità della contea di Walla Walla – esporsi deliberatamente ad un contagio è rischioso per chi lo fa e per gli altri”.

In realtà l’idea di farsi contagiare di proposito non è una pratica nuova in America. In passato, ricordano alcuni osservatori, molti genitori erano soliti portare i loro figli alle cosiddette “feste della varicella” per farli venire a contatto con altri bambini che avevano la malattia.

L’idea dei Covid-19 party ha avuto inizio dopo che le autorità sanitarie di tutto il mondo hanno parlato del cd. ‘passaporto d’immunità’, il documento che certificherebbe l’assenza di rischio di contagio della persona che lo possiede.

Questo consentirebbe alle persone immunizzate di viaggiare o di tornare al lavoro in tempi più rapidi.

Il CDC (Center for Disease Control and Prevention), Ente Federale che si occupa della salute pubblica negli Stati Uniti ha messo in guardia sul punto, spiegando che i giovani che si espongono al contagio, nella maggior parte dei casi non hanno bisogno di un ricovero in ospedale ma rischiano di infettare persone più vulnerabili e non solo.

Spiega anche che ad oggi non si conoscono dal punto di vista scientifico le conseguenze del coronavirus e pertanto non è escluso che questa folle pratica possa rappresentare in futuro comunque un rischio per la salute di quelli che sono diventati immuni.

Commenti Facebook

About Massimo Mazzetti

Avatar