Dalle pigmentazione il rimedio contro la calvizie


È il problema che più di ogni altro affligge l’universo maschile, un inestetismo che può essere dovuto a diversi fattori, dallo stress a questioni genetiche ed ereditarie. La lotta per contrastare la calvizie si è arricchita ultimamente di nuove soluzioni che affiancano i tanti rimedi esistenti da sempre. E tra le più interessanti, c’è la dermopigmentazione.
Si parla di pigmentazione della cute, quindi di usare pigmenti di colore da inserire sotto la pelle per dar vita ad un make up brillante che resti sulla cute per mesi. Una tecnica che viene impiegata con successo nel campo del trucco femminile, e che da un po’ di tempo è stata applicata anche al mondo maschile proprio per trattare problematiche di perdita di capelli.

Trattamenti moderni contro la calvizie

Si parla di tricopigmentazione, quindi di pigmentazione della cute in prossimità del cuoio capelluto per andare a disegnare i capelli che non sono più presenti, che sono andati perduti. Il tutto avviene grazie ad uno strumento simile ai dermografi utilizzati dai tatuatori che consentono di depositare sotto la cute un pigmento di colore anallergico e del tutto naturale.
In sostanza si va a disegnare un make up sotto la pelle per coprire eventuali difetti, in questo caso la mancanza di capelli che vengono ridisegnati da zero. Il meccanismo della tricopigmentazione, come si può leggere su www.truccopermanente.it/tricopigmentazione.html, è un trattamento che rientra nel novero del trucco permanente e che ne va a riprendere i meccanismi.

Mascherare la calvizie con la pigmentazione

Grazie a questo approccio è possibile coprire la calvizie e in generale perdita di capelli intervenendo con i pigmenti da inserire sotto la pelle: una buona soluzione nei casi di diradamenti ed alopecia che rende al meglio nel caso di capelli corti. Questo perché con i pigmenti di colore da depositare sotto la cute si vanno a disegnare piccoli puntini, quindi un effetto rasato, che se ben eseguito, riprendendo al meglio la tonalità dei capelli naturali ancora presenti, può mascherare al meglio la mancanza.
È importante che chi esegue il trattamento abbia competenze specifiche, in sostanza sia in grado di svolgere un lavoro fatto bene onde evitare che il trattamento risulti essere non gradevole dal punto di vista estetico. Il paziente potrà sottoporsi a sedute di richiamo periodiche per ravvivare il risultato ed averlo sempre al meglio.   

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24