Domenica i bimbi a teatro con mamma e papà a Teramo, Atri, Lanciano e Orsogna


ACS Abruzzo Circuito Spettacolo in collaborazione con le Amministrazioni comunali partner promette ai piccoli spettatori divertimento, ma non solo, avventura, insegnamenti e riflessioni con gli spettacoli in programma questa domenica 11 marzo nei teatri abruzzesi:

al Teatro Comunale di Teramo alle ore 17 in scena La bella addormentata, con la Compagnia Florian Metateatro, la storia liberamente ispirata alle fiabe di Perrault e Grimm, tanto amata dai bambini di tutto il mondo inizia con un desiderio, quello del Re e della regina di avere un figlio. Nello snodo della vicenda, i due attori in scena vestiranno i panni di tutti I personaggi della corte: il cuoco, la dama, il maniscalco, l’astrologo che con le loro buffe invenzioni ed artifici esibiranno ricette e metodi per tentare di esaudire i sovrani. Attraverso un lavoro che unisce la componente popolare dell’uso dei pupazzi alla ricerca teatrale e la sperimentazione sui linguaggi espressivi del corpo e della voce, lo spettacolo si rivolge ai bambini di tutte le fasce d’età a partire dai 4 anni;

sul palco del Teatro Comunale di Atri alle 17,30 Chiudete il sipario in scena la Compagnia Lagrù ragazzi. Cosa accadrebbe se al mondo venisse vietato il Teatro? Divieto assoluto di recitare, raccontare storie e assistere a uno spettacolo. Ne sentiremmo la mancanza oppure ci faremo l’abitudine e andremo avanti? In un magazzino di catalogazione e distruzione di oggetti teatrali due semplici operai svolgono il loro monotono compito. Eliminano scenografie, oggetti di scena, parrucche e costumi come se niente fosse. Ormai sono oggetti inutili e il mondo ha bisogno di spazio. Ma un giorno, capita loro fra le mani qualcosa che non avevano mai visto. Un Burattino. La storia si srotola attraverso un vortice di gag esilaranti e colpi di scena sino al finale pacificatore;

in scena alle 17,30 al Teatro Fenaroli di Lanciano la compagnia del Teatro Pirata (ATGTP) con Robinson Crosue – L’avventura, uno spettacolo divertente e dolce allo stesso tempo che fa rivivere sul palco il primo romanzo di avventura della letteratura moderna. Un giovane ragazzo inglese, Robinson Crusoe, lotta contro tutti gli ostacoli che la vita gli presenta (e saranno molti!) per conquistare il suo sogno più grande: essere un marinaio ed esplorare il mondo. Ci riuscirà, ma come ogni impresa grandiosa, il prezzo da pagare sarà enorme, gli imprevisti moltissimi e la ricompensa immensa: essere un uomo libero! Robinson nella scena finale prende coscienza che non può imporre a Venerdì la sua volontà, e che se vuole veramente essere un uomo libero deve lasciare l’ amico, libero di scegliere, della sua vita. Un’interessante collaborazione artistica che porta sul palco una struttura in continua evoluzione, una musica coinvolgente e due attori, narratori-animatori, le cui abili mani daranno vita alle due marionette protagoniste in scena, Robinson e Venerdì;

al Teatro Comunale di Orsogna alle 17,30 i bambini si divertiranno a seguire le vicende de La grande sfida tra il riccio e la lepre tratto dalla famosa fiaba dei fratelli Grimm, in cui si narra la tipica storia di una coppia di opposti: il più debole vince contro il più forte perché e’ più furbo. In questa storia di animali, come nelle favole classiche, non appaiono figure umane. L’intenzione della fiaba è evidente: nessuno deve prendere in giro un’altra persona (un altro animale) o sentirsi superiore, perché ognuno ha delle qualità diverse che altri probabilmente non hanno. Le tecniche teatrali utilizzate sono diverse, dai classici burattini in baracca all’animazione a vista,  un teatro dal vivo che aiuta gli spettatori a seguire e riconoscere le linee di narrazione della storia. Il tutto condito da humour e musica con un attore-narratore e la sua fisarmonica.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

GRANDE SUCCESSO DEL “PREMIO OVIDIO” A SULMONA

Sulmona. Piazza  Garibaldi  gremita  di  gente,  l’aria  impregnata  di  emozione  e  risate  e  poi,   loro,  Gabriele  …