FONTANELLE, TORNA L’INCUBO SPACCIO PETTINARI IN VIA CADUTI PER SERVIZIO “QUESTA STRADA E’ IL LUOGO SIMBOLO DELLA LOTTA’ ALLA CRIMINALITA’ NELLE CASE POPOLARI”


Circa 3 mila residenti, oltre 600 alloggi di edilizia residenziale pubblica, tutti concentrati in un’unica strada: Via Caduti per servizio nel quartiere di Fontanelle a Pescara. “Una strada simbolo per la lotta alla criminalità, all’occupazione abusiva degli alloggi popolari e allo spaccio nelle periferie. Questa via in passato ha subito la stagione degli attentati con auto in fiamme, aggressioni fisiche ai residenti e ritrovamenti di armi da fuoco nelle pertinenze delle case popolari” ricorda il Vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari, che questa mattina ha scelto proprio questo tratto di Fontanelle per tornare a denunciare la grande piaga dello spaccio e dell’abusivismo nelle case Ater di proprietà di Regione Abruzzo.

“Le battaglie in questo quartiere sono iniziate 20 anni fa. Da allora qualcosa è stato fatto, ma ancora non basta, tanto che si stanno verificando sempre più episodi criminosi che richiamano nella memoria dei residente l’incubo vissuto negli anni più bui. Qui, come in altre zone della città, ci sono spacciatori che agiscono indisturbati e i loro clienti si aggirano come degli zombi in cerca della dose quotidiana di veleno. C’è un parco, a pochi passi da dove ci troviamo adesso, che in alcune ore della giornata è interdetto a bambini e anziani perché i pusher vi si recano con i propri pitbull per smistare la merce agli acquirenti di turno. Inaccettabile! Soprattutto se si pensa che molti di questi criminali sono occupanti abusivi, anche noti alle forze dell’ordine. Non si può più tollerare che le case di proprietà pubblica di Pescara non vengano date ai cittadini onesti e realmente bisognosi che sono in graduatoria da anni, per lasciarle invece nelle mani di chi le usa come bottega della morte.

Il centrodestra in Regione Abruzzo – incalza Pettinari  – deve immediatamente stanziare i fondi per gli sfratti e la conseguente riassegnazione agli aventi diritto. Bisogna istituire posti fissi di polizia, perché quando negli anni passati è stata adottata questa soluzione le cose stavano migliorando davvero. Anche le telecamere, che ora finalmente a seguito delle nostre richieste sembrano essere installate, devono funzionare per monitorare in maniera capillare il territorio e non essere messe lì solo come arredo urbano. Chiedo che venga eseguito un controllo a tappeto per capire chi ha i requisiti e le carte in regola per soggiornare nelle case di proprietà pubblica. Chiedo a Regione e Comune di applicare pedissequamente la legge 96/96 di Regione Abruzzo e procedere allo sfratto immediato di chi utilizza le case e i locali affini per delinquere. L’applicazione della legge e la buona volontà politica potrebbero dare finalmente ai residenti del quartiere di Fontanelle la serenità che meritano da tempo. Io sarò sempre qui al loro fianco per dire basta a persone che occupano abusivamente l’alloggio popolare pagando 0 euro, utilizzandolo per spacciare droga e magari con auto lussuose parcheggiate sotto, privando di una casa quelle tante famiglie oneste che attendono da anni in graduatoria. Basta!”. Conclude.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24