Frittelle ai fiori di Sambuco (ricetta Monasteriale del ‘500)


“il profumo bussa su queste arcate antiche, la tinozza di rame borbotta in un sobrio gusto. Quante erbe sparse, quante carte antiche, quanto sapore in solo mestolo….. armonie di estasi” Cicchetti Ivan

 

testo originale

 

Piglia di farina oncie 4, povine fresche tre o di formaggio fresco libbra una, e di formaggio duro libbra mezza grattato, di formaggio salato oncie tre, e tanto levaturo quanto è mezzo uovo; e pista bene ogni cosa nel mortaio. E ponigliuova sei battute seco, e uno bicchiero di latte, e oncie 3 d’acqua rosa; e mescola bene ogni cosa insieme. E se ti paresse che il detto pastume fosse troppo duro, gli aggiungerai un poco di latte, tanto che stia bene, e oncie 3 d’uva passa; e per tempo d’estate gli porrai una oncia di fiore di sambuco a pistare secco. E poi con una gucchiara farai le tue frittelle, grandi e piccole, secondo che ti parerà. Poi le cuocerai in grasso colato o butiro, o dileguito libbre 3. E come saranno cotte, e per imbandirsi, gli ponerai sopra di zucchero grattato oncie quattro.

(a cura Cicchetti Ivan)

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24