GLI ANTICHI PROVERBI D’ABRUZZO – PARTE 2


Il percorso storico del tramandare ci preserva antichi proverbi, blasoni che i nostri avi ci tramandano, c’insegnano. Sempre vivi, anche se antichi, loro sono l’emblema del vivere, la sostanza del vissuto. 

 

“Dope che ha successe lu guàije la case s’arembièsce de cunsèije”

Dopo che è successo il guaio la casa si riempie di consigli

 

“Dope li cumbitte hésce li defitte”

Dopo i confetti escono i difetti

 

“E’ ‘cchiù la spêse che la ‘mbrêse”

E’ più la spesa che il ricavato

 

“Genta trèste, ‘nnumenate e vèste”

La gente cattiva appare appena se ne parla

 

“La supérbije ijò a cavalle e arevènne a ‘ppéte”

La superbia andò a cavallo e tornò a piedi

 

“Li parinde è ‘ndé li scarpe, ‘cchiù è strètte e ‘cchiù fà dulè”

I parenti sono come le scarpe, più sono stretti e più fanno male

 

Da leggere e rileggere, da osservare e rammendare, sono pilastri sempre vivi.

 

( Cicchetti Ivan )

 

Commenti Facebook

About J P

Avatar