Il campione di wrestling Bruno Sammartino torna in Abruzzo


 

Il saluto della Regione è stato portato dal Sottosegretario Mazzocca

 

 

“Ieri pomeriggio, a Pizzoferrato (CH), invitato dal Sindaco Palmerino Fagnilli, ho portato il saluto della Regione Abruzzo a Bruno Sammartino, campione sportivo ed esempio di vita. Per me è stato un onore, per lo più nella giornata dell’Abruzzese nel Mondo”.

 

Commenta così il Sottosegretario alla Presidenza d’Abruzzo Mario Mazzocca il grande evento in onore del campione mondiale di wrestling Bruno Sammartino, classe 1935, recatosi a Pizzoferrato (CH), suo paese d’origine, accompagnato dal giornalista americano Larry Richert e dai delegati provenienti da Pittsburgh, città dell’acciaio dove nei primi del ‘900 molti pizzoferratesi emigravano, e con cui adesso il Comune abruzzese ha siglato  un accordo di gemellaggio.

 

Per celebrare il grande campione e la presenza degli abruzzesi a Pittsburgh, soprattutto nel quartiere di Panther Hollow fondato da persone provenienti prevalentemente da Pizzoferrato e Gamberale, è stato eretto ed inaugurato nel pomeriggio un monumento presso la villetta comunale.

 

Trasferitosi a Pittsburgh all’età di quindici anni, la ‘Roccia di Pizzoferrato’,  come Bruno Sammartino è stato soprannominato, è un celebre wrestler italiano conosciuto per aver combattuto nella World Wide Wrestling Federation – in seguito World Wrestling Federation, dal 2001 semplicemente WWE – dove detiene il record per il più lungo regno con il WWWF World Heavyweight Championship: 2.803 giorni, cioè circa sette anni e otto mesi. Ha detenuto il titolo anche una seconda volta per 1.237 giorni e un totale di undici anni (4.040 giorni) come campione. Ha portato al tutto esaurito il Madison Square Garden per centoottantotto volte. Nel 2013 è stato introdotto nella WWE Hall of Fame.

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

’AQUILA: DAL FALLIMENTO DEL CALCIO E RUGBY FINALMENTE UNA RIPARTENZA SPORTIVA NUOVA?

di Enrico Cavalli L’AQUILA – La cura delle radici identitarie come fattore di rinnovata aggregazione …