Il Centro Nuoto Sulmona premiato dal Panathlon: “Esempio di costanza negli anni che ha fatto crescere generazioni di atleti”


Il Panathlon, nell’ottica della valorizzazione delle discipline sportive che danno lustro alla città in campo nazionale, ha dedicato l’ultima conviviale della stagione al Centro Nuoto Sulmona che, con passione, si prefigge l’obiettivo della formazione dei giovani. Un lavoro importante portato avanti da circa un trentennio dalla società guidata dal presidente Verdiana Natali che si avvale di 18 istruttori per complessivi 25 tecnici. “Abbiamo scelto il Centro Nuoto per questa serata – ha spiegato il presidente del Panathlon Luigi La Civita – perché rappresenta il simbolo cittadino per quanto concerne la costanza. Questa società da ben 27 anni gestisce la piscina comunale di Sulmona con competenza e, unendo passione e risultati, sta dando un esempio di parsimonia e di capacità”. Alla presenza degli atleti e dello staff dirigenziale e tecnico sono stati illustrati i risultati conseguiti nelle varie categorie. Il compito è toccato ai responsabili del salvamento, Natalia Semionowa, della pallanuoto, Diego Verrocchi, ed al direttore tecnico Manlio Buratti. “Quest’anno – ha spiegato Buratti – siamo riusciti ad ottenere, dopo circa 7-8 anni, la qualificazione ai Campionati italiani assoluti. Abbiamo conquistato titoli nel salvamento sulla spiaggia e siamo riusciti a portare sei atleti ai Campionati invernali di categoria. Siamo inoltre arrivati quarti nella pallanuoto Under 20 ed abbiamo partecipato anche al Campionato Under 15. Una menzione particolare anche per quanto riguarda i Master che hanno raggiunto un importantissimo livello nelle manifestazioni di squadra”. Gli atleti sulmonesi sono attesi ora ai Campionati italiani di salvamento in piscina ed a quelli estivi di nuoto. Nel corso della serata svoltasi nello scenario del bordo piscina dell’Hotel Santacroce, adatto proprio alla disciplina in questione, è stato sottolineato il nutrito movimento degli atleti del Centro Nuoto Sulmona, provenienti anche da fuori. “Abbiamo tre giovani – ha sottolineato Buratti – che, venendo da Alfedena, percorrono 1 ora e 40 minuti di macchina per allenarsi da noi come fanno anche due atleti che giungono da Trasacco. Siamo una realtà unica in Italia che, pur essendo piccola e rappresentando una minima parte della popolazione, riesce ad avere una densità impressionante di partecipazione e qualità nel lavoro”. A conclusione della conviviale si è dichiarato soddisfatto il presidente del Panathlon Luigi La Civita: “Ci è piaciuta molto questa serata con il Centro Nuoto Sulmona che, oltre ai risultati sportivi, ha dimostrato di aver fatto crescere negli anni ben cinque generazioni di atleti”.

Domenico Verlingieri

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24