IL DOLCE DI PADRE PIO


La torta di Padre Pio è un dolce il cui principale scopo oltre testimoniare le fede verso il santo, è la condivisione. Sulla sua origine non si hanno notizie certe, secondo alcuni si tratterebbe di una leggenda metropolitana, altri la considerano una sciocchezza, una sorta di catena di Sant’Antonio tra sacro e profano, fatto sta che sono in molti a prepararla. Il dolce prevede una preparazione lunga 10 giorni e, considerato il fatto che, come vedremo più sotto, l’impasto non vada conservato in frigo per tutto questo tempo, incuriosisce notevolmente come la torta non vada a male. Si prevede che parte del composto, prima di essere cotto, vada versato in tre bicchiere e donato ad altrettanti amici e/o parenti esprimendo al tempo stesso tre desideri. A partire dal bicchiere di composto e seguendo poche e semplici indicazioni scritte su un apposito foglietto del quale il bicchiere di plastica in cui viene donato l’impasto è corredato la torta può essere preparata senza difficoltà.

Le principali regole per la preparazione della torta di Padre Pio sono le seguenti: divieto di utilizzo del frullatore, divieto di conservazione in frigo e di utilizzo di contenitori di plastica, si consiglia il vetro. Infine il dolce dovrebbe essere preparato da una sola persona. Ecco la ricetta del dolce da condividere.

1 giorno: si inizia versando l’impasto ricevuto in una ciotola di vetro ed si unisce un bicchiere di zucchero e uno di farina utilizzando per le dosi il classico bicchiere di plastica.
2 giorno: mescolare il composto.
3 giorno: non toccare il composto, quindi non mescolare.
4 giorno: non mescolare.
5 giorno: oggi si unisce un bicchiere di latte, un altro di farina ed un altro di zucchero.
6 giorno: oggi si mescola l’impasto.
7 giorno: non mescolare.
8 giorno: non mescolare.
9 giorno: non mescolare.
10 giorno: ecco la conclusione della preparazione. Si può procedere con il prelevare tre bicchieri di plastica dall’impasto e con il regalarli a tre persone alle quali si vuole bene. All’impasto rimasto invece vanno uniti un bicchiere di zucchero, uno di latte, tre bicchieri di farina, 1 di olio di semi e poi ancora una mela sbucciata e tagliata a pezzi, 2 uova e per finire una bustina di lievito per dolci. A questo punto mescolare ed esprimere 3 desideri. Versare l’impasto in una teglia tonda e cuocere a 180 °C per circa 35 minuti.

 

 

Commenti Facebook

About Ivan Cicchetti

Ivan Cicchetti
Nasce a Roma nel 1978, scrittore, poeta, novellista e librettista teatrale. Nel 2008 e nel 2009 è stato responsabile della sala stampa della mostra internazionale AQUILA ANTIQUA a L'Aquila. E' stato collaboratore di diverse testate giornalistiche abruzzesi. Da Settembre 2017 collabora come giornalista con la testata IL FARO 24 NEWS

Potrebbe interessarti:

CIPOLLATA ABRUZZESE

La cipollata in Abruzzo è un piatto antico, una pietanza della cultura contadina che ci …