LA DANZA. L’ARTE COME BENESSERE DEL CORPO. INTERVISTA AL M° UMBERTO D’ALBA


LA DANZA. DISCIPLINA, BENESSERE FISICO E PSICHICO. L’ARTE A FAVORE DEL CORPO Intervista al maestro UMBERTO D’ALBA

Oggi entriamo nel mondo straordinario della danza, l’antica arte che forma i ballerini professionisti o soltanto gli appassionati alla disciplina. Per capire di più il benessere psico-fisico che la danza produce sul corpo, ho voluto ascoltare il maestro D’Alba, direttore artistico ed insegnante di danza.

Quali sono i benefici psico-fisici che la danza garantisce?

La danza è una disciplina che ha molteplici effetti benefici sul corpo e sulla menta. Aumenta la tonicità e la forza muscolare e la resistenza respiratoria, in quanto è un attività principalmente aerobica, migliora l’agilità, l’equilibrio e la coordinazione. Insomma la danza è un toccasana per il nostro benessere,  per lo spirito e il corpo.

La danza, Maestro, è anche disciplina, perciò potremo dire che anche un supporto alle famiglie per quanto riguarda il carattere dei ragazzi?

Assolutamente sì. La danza educa il danzatore anche nella quotidianità. Una filosofia di vita che va oltre la sala da ballo.

A volte arrivano nei vostri corsi, bambini con piccoli problemi ai piedi: la danza è anche correzione ?

Sì, soprattutto quando si ha la tendenza a chiudere i piedi verso l’interno.

La danza non ha vincoli di età, perciò ad ogni fase della vita una persona potrebbe avvicinarsi a questa straordinaria arte, ma a che età è preferibile iniziare?

Io credo che ognuno di noi sia libero di esprimersi con il proprio corpo a qualsiasi età, ma per quanto riguarda la danza a livello agonistico, iniziare ad una tenera età intorno ai 5 anni sarebbe l’ideale, in modo da formare un corpo idoneo.

La danza è adatta ad un fisico in sovrappeso per un percorso anche di dimagrimento?

Può aiutare a ritrovare la forma fisica, ma bisogna seguire una dieta specifica data da un nutrizionista.

Lei ha allieve che vanno dai tre anni fino addirittura ai 50 anni: come si spiega?

Perché il bisogno di comunicare, di esprimersi, non ha età ed è una cosa meravigliosa. Ogni età ci insegna qualcosa, un’esperienza, un vissuto, un’emozione. La condivisione di questo “sentire” con una classe “matura” ci permette di comprendere pienamente il senso di ciò che vogliamo esprimere con il movimento.

A conferma di quanto sostenuto dal Maestro, uno studio riportato dal New England Journal of Medicine, ha dimostrato come la danza aiuti a prevenire l’insorgenza di malattie invalidanti, in particol modo l’Alzheimer. In effetti, imparare a ricordare sequenze e coreografie, potenzia la memoria e l’acutezza mentale.

 

 

Commenti Facebook

About J P

Avatar