Home | Abruzzo | LA PIZZA SCIMA (ANTICA RICETTA ABRUZZESE DEL 1600)

LA PIZZA SCIMA (ANTICA RICETTA ABRUZZESE DEL 1600)


La storia della pizza scema parte da lontano. Nella ricetta si fondono le influenze della panificazione romana e la tradizione gastronomica giudaica. A partire dalla fine del 1600 infatti, in seguito a un terribile maremoto che decimò le popolazioni locali, l’Abruzzo centro-meridionale accolse una vasta comunità ebraica. Si trattava principalmente di famiglie di artigiani, che avevano poca confidenza con la pesca e con il mare. Il loro ingegno gli permise tuttavia di trovare un nuovo modo di pescare. Nacquero così i trabocchi, le originali capanne da pesca che ancora caratterizzano la costa abruzzese. A quelle stesse famiglie e al pane azzimo si deve probabilmente anche la ricetta della pizza scema, una specialità regionale ancora molto amata. Cotta tradizionalmente con un grosso coperchio (coppo) ricoperto di braci, la pizza scema è oggi preparata con ottimi risultati anche nei normali forni elettrici di casa.

Friabile, gustosa e facilissima da portare in tavola, la pizza scema è un’idea originale per tutte le occasioni. Ideale per accompagnare tutte le tue portate, è perfetta anche per uno snack veloce o una merenda.

Indimenticabile a partire dal nome, la pizza scema è un prodotto da forno tipico della tradizione gastronomica abruzzese. Detta pizza scima nella zona di Chieti, e ascima all’Aquila, questa specialità ricorda altre prelibatezze regionali del centro Italia, come la piadina romagnola o la torta al testo umbra. La sua caratteristica principale, all’origine forse anche del nome, è il fatto di essere preparata senza lievito. Il termine dialettale “acime” vuol dire infatti “azzimo”, non lievitato. Gli ingredienti utilizzati per l’impasto sono semplicissimi: farina, olio di oliva e vino bianco.

L’aspetto è a metà tra un pane e una focaccia, con delle incisioni a forma di rombo che aiutano a sporzionarla. Questa pizza va infatti spezzata rigorosamente con le mani. Dunque non si taglia e neppure si farcisce. Croccante e saporita, la pizza scema viene servita come sostituto del pane con insalate, formaggi, minestre o carni alla griglia come gli arrosticini e altre specialità abruzzesi.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 500 grammi di farino 00
  • 75 grammi di ottimo olio di oliva extra vergine
  • 75 grami di acqua
  • 100 grammi di vino bianco secco Cerasuolo o Trebbiano d’Abruzzo
  • Un pizzico di sale

Impasta la farina con il vino bianco e l’olio versato a filo.Unisci il sale e lavora la pasta finché non sarà morbida e liscia.Copri l’impasto con la pellicola e lascia riposare in frigo per 30 minuti.Ungi uno stampo, o rivestilo con carta da forno. Stendi l’impasto a uno spessore di 1 centimetro e mezzo.Con la punta di un coltello affilato pratica delle incisioni su tutta la superficie. Per aiutarti guarda l’esempio nella foto.Spennella la focaccia con altro olio di oliva e cuocila in forno a 200 gradi per 20/25 minuti, fin quando la superficie non sarà ben dorata.

( Cicchetti Ivan )

 

Commenti Facebook

Potrebbe interessarti:

Avezzano, fine della corsa: il Matelica dilaga 4-0

Pesante sconfitta rimediata dall’Avezzano in casa della capolista Matelica. In terra marchigiana, i biancoverdi hanno …