La storia delle uova di Pasqua


Omne vivum ex ovo
Ogni essere vivente proviene dall’uovo

uova di pasqua storia dell'uovo

In principio fu l’uovo: dipinto, decorato, di cioccolata, di carta pesta, impreziosito, colorato, ma pur sempre un uovo di gallina.

Simbolo per eccellenza della resurrezione e della vita e collegato alla Pasqua cristiana, ha attraversato i secoli per arrivare fino a noi come lo conosciamo oggi.

Dagli Antichi Egizi veniva considerato il centro dei quattro elementi: terra, aria, fuoco e acqua. Per alcune culture pagane, l’uovo rappresentava il cielo e la Terra uniti. Simbolo della rinascita, era connesso alla leggenda della Fenice che, in punto di morte, si adagiava in un nido a forma d’uovo e si lasciava incenerire dai raggi del sole. Da quelle stesse ceneri, in seguito, sarebbe risorto l’Uccello di Fuoco.

Nei Paesi celtici, durante la Festa pagana di Beltaine, era usanza far rotolare le uova lungo la collina per simboleggiare il movimento cosmico del sole nel cielo, mentre nel mondo cristiano l’uovo raffigurava la pietra che rotolava via dalla tomba di Cristo.

Era un apprezzato dono nel periodo in cui le galline depositavano più uova, la Primavera, stagione del risveglio e del rinnovamento.

Un giorno qualcuno iniziò a decorarle. Lo fece l’orafo Fabergé nel 1887 creando, su ordine dello zar Alessandro III di Russia, le sue celebri uova impreziosite con pietre ed oro e con un gioiello all’interno.

E qualcun altro invece iniziò a crearle di cioccolata. Forse fu un pasticcere alla corte del Re Sole, forse arrivava dalle Americhe d’oltreoceano dalle cui zone ha origine il cacao, finché fu l’olandese Van Hauten a ideare nel 1828 lo stampo concavo per creare uova sottili e poter inserire al loro interno una piccola sorpresa.

Una cosa è certa: a Pasqua senza uova di cioccolato, non è Festa.

di Alina Di Mattia

Commenti Facebook

About Alina Di Mattia

Alina Di Mattia
Autrice, conduttrice e responsabile di produzione di grandi eventi istituzionali. All'attività artistica e manageriale ha affiancato quella di scrittrice freelance. Si è occupata spesso di tematiche sociali ed ha all'attivo diverse pubblicazioni tra cui il saggio "Erano gli anni della TV dei ragazzi". E' tra i vincitori del Premio giornalistico Angelo Maria Palmieri 2018.

Potrebbe interessarti:

NAVIGHI SUI SITI PORNO? PER UN ALGORITMO SEI UN CATTIVO PAGATORE

Hai un curriculum eccellente ma non trovi lavoro? La Banca ti rifiuta un prestito senza …