Meteo. Alta pressione e tempo soleggiato. Rischio smog e innocue nebbie. Poi arriverà una perturbazione


Meteo. Un’area di alta pressione facente parte dell’Anticiclone delle Azzorre, continuerà a rinforzarsi sull’Europa centro-occidentale fino a raggiungere massimi anticiclonici che, attraverso la Subsidenza atmosferica, non soltanto faranno evaporare le nubi, ma permetteranno anche un riscaldamento per compressione della colonnina d’aria che innescherà, a sua volta, un aumento sempre più deciso delle temperature, specie nei valori massimi: dunque su gran parte dell’Europa occidentale e del Nord Italia arriverà un primo assaggio di Primavera caratterizzato dal bel tempo e dalle temperature molto miti. Tuttavia, nella nostra Val Padana, le inversioni termiche favoriranno il ristagno d’aria fredda provocata dall’irraggiamento nei bassi strati con un aumento del PM10 e dello smog nelle grandi aree urbane e qualche nebbia nelle aree della Pianura Padana. L’alta pressione favorirà condizioni meteorologiche caratterizzate dal bel tempo anche sulla nostra regione Abruzzo e sul resto del Centro Italia ove splenderà il Sole anche questo fine settimana, fatta eccezione per le regioni meridionali e per il basso versante adriatico e ionico, in prossimità dei quali, un impulso freddo e instabile proveniente da una circolazione fredda retrograda confinata sui Balcani e alimentata da masse d’aria fredda provenienti dalle latitudini artiche, innescherà del tempo instabile o variabile caratterizzato da rovesci di pioggia sparsi e qualche nevicata sull’Appennino meridionale, soprattutto all’Estremo Sud e in Sicilia. Il tempo sarà destinato a migliorare la prossima settimana, quando saranno poche le nubi e il cielo risulterà sereno su tutta la penisola. Le inversioni termiche porteranno delle nebbie e foschie mattutine anche nelle valli del Centro ma in grado di dissolversi immediatamente al primo mattino lasciando spazio a cieli quasi completamente sereni. Verso il prossimo fine settimana, ossia dopo il 20 Febbraio, arriverà un po’ di pioggia portata dalle correnti atlantiche, subito dopo il completo spostamento dell’Anticiclone delle Azzorre lungo i meridiani, potrebbe esserci, consequenzialmente a taluno, l’arrivo di una perturbazione di matrice artica-marittima capace di innescare una fase di maltempo di stampo invernale, anche i primi di Marzo. Ciononostante, data la distanza di tempo che ci separa da quest’ultima tendenza, vi invito a seguire i prossimi editoriali.

Grazie 

rc 

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti, è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di meteorologia. Dopo essersi diplomato, ha iniziato il suo percorso universitario all'Università di L'Aquila che vorrebbe terminare con il corso in Fisica dell'atmosfera e Meteorologia. A partire dal maggio 2016 inizia la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e presentatore meteo.