Meteo. L’alta pressione autunnale è fievole. Nebbie e nubi basse, ma anche prime brinate a venire


Meteo. Nonostante avessimo ipotizzato un moderato peggioramento composto da nuvolosità sulle regioni di nord-ovest e brevi rovesci sulle Alpi, l’alta pressione si fa più poderosa. Restano tuttavia da valutare i suoi massimi che non indicheranno staticità, altresì d’Autunno e d’Inverno vi viene ad infiltrarsi aria più umida nei bassi strati che fa scendere la colonnina di mercurio con il crollo della temperatura di rugiada, dovuto all’irraggiamento e dunque al raffreddamento dei bassi strati indotto dall’avvicendarsi del dì e della notte con connotati sempre più vicini all’inizio dell’Inverno. Tutti questi ingredienti in un regime anticiclonico in cui l’aria non viene rimescolata generano l’inversione termica e quindi lo slittamento dai pendii delle montagne dell’aria più fredda che rafforza l’inizio dell’irraggiamento del suolo, la cui aria più mite sale verso l’alto provocando una variazione positiva di temperatura al variare della quota e il ristagno d’aria umida verso il basso. Questa situazione si andrà confermando all’inizio della settimana entrante con l’ingresso di masse d’aria più umida che, fatto sì che l’alta pressione non porrà i suoi massimi sulla penisola ma rimarrà strutturata in quota, transiteranno su quest’ultima favorendo la formazione di nubi basse dal grigiore tipico novembrino e nebbie persistenti non solo nelle aree vallive e nelle conche ma anche nelle pianure, ove si distribuiranno a banchi a seconda dell’orografia. Sarà solo dalla metà della prossima settimana che la struttura di alta pressione livellata scalfita sul suo bordo orientale da correnti più fredde di origine polare provenienti dai Balcani, al loro cessare con l’escursione termica e quindi con temperature minime della notte e del primo mattino più basse sia nelle valli montuose che sui monti stessi, ci farà assaggiare le prime, seppur deboli, brinate autunnali, mentre durante il giorno il “fievole” riscaldamento solare di una timida Estate di San Martino ci farà rivivere parte di quella mitezza settembrina. 

Grazie e al prossimo aggiornamento meteo.

rc 

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.