Meteo. Tese e asciutte correnti fresche sull’Abruzzo. All’inizio della settimana torneranno gli isolati acquazzoni


Meteo. Tese correnti molto fresche e asciutte provenienti da nord-est/sud-est e dunque dall’area balcanica, continueranno a soffiare anche sulla nostra regione Abruzzo attraverso raffiche anche intense sia sulle nostre zone interne montuose che sulla fascia adriatica collinare e costiera. Le masse d’aria fresca diverranno più instabili nelle tarde serali di domenica con qualche rovescio di pioggia sporadico. Nella giornata di lunedì, invece, una mattina soleggiata sarà accompagnata da un pomeriggio instabile fino alle prime ore serali, ove, specie in prossimità dei settori occidentali e sulle nostre aree interne appenniniche abruzzesi e molisane, le quali si riscaldano maggiormente rispetto alle aree pianeggianti e costiere, si origineranno i temporali di calore o gli acquazzoni che si manifesteranno da isolati a diffusi sulle aree montuose, scaricando a tratti molto pioggia e quindi potrebbero presentare carattere localmente violento, nelle aree limitrofe di moderata intensità e arrecate da raffiche di vento di “downburst” (corrente discensionale che, fuoriuscendo dalla nube, si scaglia verso il suolo determinando un’apertura a ventaglio dando luogo ad un cambio repentino di direzione e di intensità del vento al variare della quota, molto pericoloso per persone e cose ma soprattutto per quanto concerne il trasporto aereo sia in fase di decollaggio che di atterraggio; ebbene perciò è importante seguire le immagini radar nelle cabine di pilotaggio e non solo prima di fare un decollo e un atterraggio di volo specie se di linea): le folate di vento possono addirittura superare i 120 km/h e vengono a volte scambiati per Tornado o Trombe d’aria perché in grado di provocare danni simili ad essi, ma non lo sono perché questi ultimi Tornado sono fenomeni vorticosi scaturenti da una supercella, ovvero un violento sistema temporalesco dotato di un mesociclone, una corrente ascensionale interna rotatoria. La giornata di martedì, vedrà un deciso miglioramento delle condizioni meteorologiche, seppur successivamente possano prevalere condizioni meteorologiche molto variabili, mentre il cessare delle correnti moderatamente più fredde farà scendere le temperature minime della notte e del primo mattino, mentre le temperature massime si rialzeranno tipicamente estivi, consoni alla stagione in atto (escursione termica). Una situazione meteorologica che potrebbe durare fino ai primi di Luglio, a causa dell’espansione dell’Anticiclone delle Azzorre fino al Nord Atlantico, la quale allontana il caldo nord-africano, mentre l’Anticiclone Subtropicale potrebbe essere in rinforzo i primi di Luglio, con la prima ondata di caldo intenso di matrice tropicale-continentale che farà decollare le temperature sia massime che minime e ripristinerà un po’ di tempo stabile e soleggiato.

Commenti Facebook

About Riccardo Cicchetti

Riccardo Cicchetti
Riccardo Cicchetti è nato ad Avezzano il 24/06/1994 e si appassiona di giornalismo e di Meteorologia. Ha iniziato il suo percorso all’Università degli Studi dell’Aquila e si è laureato in Filosofia e Teoria dei Processi Comunicativi. A partire da Maggio 2016 ha avviato la sua collaborazione con il quotidiano online Ilfaro24 come giornalista meteorologico principiante e divulgatore scientifico.