ORSO BRUNO MARSICANO: NUOVE AZIONI PER GARANTIRE UNA SERENA CONVIVENZA


Nell’ultimo mese 5 nuovi recinti elettrificati a tutela di pollai, arnie e stazzi; laboratori di educazione ambientale e attività di promozione e questa estate arrivano i campi dei “Volontari per l’Orso”

Assicurare l’espansione dell’Orso bruno marsicano in nuove aree senza che ciò determini contrasti con chi continua a vivere e svolgere attività in montagna: è questo uno degli obiettivi della Campagna Orso 2×50 del WWF Italia che punta al raddoppio della popolazione di Orso bruno marsicano entro il 2050.  

Per questo come WWF, attraverso la nostra Oasi e Riserva regionale delle Gole del Sagittario di Anversa degli Abruzzi, stiamo agendo in vari campi. 

Primo fra tutti la riduzione delle conflittualità tra Orso da un lato e allevatori, agricoltori e apicoltori del territorio dall’altro. Nell’ultimo mese la direttrice dell’Oasi, Sefora Inzaghi, ha seguito l’installazione di 5 nuovi recinti elettrificati a difesa di pollai, arnie e stazzi ad Anversa degli Abruzzi, Ateleta, Roccaraso e Scanno (due).  

Sul piano dell’educazione ambientale, oltre alle tante attività svolte dalle Oasi, dai CEA e dalle Organizzazioni locali, è nata una proficua collaborazione con l’asilo “Un mondo di colori” di Avezzano dove sono stati effettuati 5 laboratori didattici con attività sensoriali e giochi di memoria sull’Orso e il suo habitat. Un vero e proprio percorso formativo per i più piccoli che questa settimana avrà anche un momento di ricerca e attività sul campo proprio nell’Oasi WWF di Anversa degli Abruzzi. 

Prosegue infine l’azione di divulgazione e sensibilizzazione attraverso la distribuzione presso i ristoranti e i pub della zona di tovagliette su cui sono riportate alcune informazioni sull’Orso bruno marsicano e sui comportamenti da adottare in caso di incontro e per evitare che gli orsi diventino troppo “confidenti”. 

“Per la tutela dell’Orso è necessario agire su tanti ambiti”, ricorda Filomena Ricci, delegata regionale del WWF Abruzzo. “Come WWF diamo il nostro contributo cercando di collaborare con chiunque voglia farlo. Proprio domenica scorsa a Campo di Giove, insieme al Parco Nazionale della Maiella abbiamo inaugurato il primo sentiero dell’Orso nell’ambito del Progetto LIFE ArcProm. Nel frattempo portiamo avanti le nostre attività attraverso l’Oasi delle Gole del Sagittario e la Campagna Orso 2×50, mentre tra poche settimane partiranno i campi di volontariato per giovani e per famiglie”. 

Chi vuole informazioni sui campi WWF “Volontari per l’Orso” rivolti ai giovani o ai nuclei familiari o vuole semplicemente informazioni su come diventare volontario può scrivere a abruzzo@wwf.it 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24