ORSO MARSICANO DECEDUTO DURANTE LE OPERAZIONI DI CATTURA NEL PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO


Un giovane esemplare di Orso Bruno Marsicano è morto nel parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise notte mentre tentavano di durante l’operazione di cattura da parte del personale dell’Ente.

Un’operazione, che rientrava nella normale prassi di monitoraggio e controllo degli animali, azione condotta previa autorizzazione del Ministero dell’Ambiente. Controlli che si effettuano periodicamente, eseguiti attraverso delle procedure particolari volte come prima cosa, a non causare danni agli animali. Questa volta però qualcosa deve essere andato storto, infatti, l’animale ha iniziato fin da subito a mostrare problemi alle vie respiratorie. A nulla sono valsi i tentativi del personale, prontamente intervenuto, per salvarlo.

Una notizia, quella della morte dell’Orso ha fatto immediatamente il giro del Web, sul sito del parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise è stata diffusa una nota che riportiamo:

“La cattura rientra nell’ambito delle attività programmate e regolarmente autorizzate dal Ministero dell’Ambiente previo parere dell’ISPRA per il controllo degli orsi confidenti/problematici. Nello specifico è stato predisposto un sito di cattura nel Comune di Lecce nei Marsi allestito con Tube Trap messa a disposizione dai Carabinieri Forestali. Il sito è stato allestito dal mese di febbraio e controllato quotidianamente tramite videosorveglianza e controllo visivo diretto dal personale del Parco. Questa notte alle 23.30 circa la squadra di cattura, sempre reperibile, è stata  allertata dal segnale telefonico di allarme collegato alla tube trap e si è recata immediatamente sul sito verificando la presenza di un orso in trappola. Seguendo il “Protocollo di cattura meccanica e anestesiologica di orsi bruni marsicani in natura e in cattività” ampiamente collaudato con un’intensa attività di cattura  a partire dagli anni ’90, la squadra  ha effettuato tutte le procedure necessarie ad anestetizzare l’animale e a metterlo in sicurezza. Già nella prima fase dell’operazione l’animale ha manifestato problemi respiratori che, nonostante le tempestive manovre di rianimazione attuabili in campo, hanno portato al decesso dell’animale nel giro di poco tempo. Si tratta di un giovane maschio che in precedenza non era mai stato marcato né radiocollarato. La carcassa è stata trasportata presso il Centro dell’Ente a Pescasseroli in attesa di essere trasferita all’IZS per l’accertamento delle cause di morte. Durante la mattinata il Parco ha provveduto ad informare il Reparto Carabinieri del Parco, il Ministero dell’Ambiente e ISPRA. Il Presidente del Parco Antonio Carrara dichiara: “E’ la prima volta che ci troviamo di fronte ad una emergenza anestesiologica in occasione di una cattura. Per quanto il Protocollo utilizzato riduca al minimo i rischi per l’orso, questi ultimi non si possono in ogni caso escludere totalmente.  Confermo la piena fiducia nello staff del Parco e mi auguro che l’analisi necroscopica possa fare piena luce sulle cause di morte.”

Come sempre l’Ente Parco provvederà ad informare sugli sviluppi della vicenda.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

L’AQUILA: LAVORI AL COTUGNO LE PRECISAZIONI DI CAMILLI E DE CRESCENTIIS

“Con stupore leggiamo la dichiarazione del Consigliere Provinciale Calvisi circa il fatto che nessuno prima …