E IO PAGO….. NON SOLTANTO IL SACCHETTO DELL’ORTOFRUTTA


Il 2018 ha subito fatto vedere di che pasta è fatto, forte, prorompente, ambiguo, caro, anzi carissimo. Sui social, in tv, in strada non si parla altro che del sacchetto dell’ortofrutta che ci viene obbligatoriamente imposto a 2 centesimi di euro, in alcuni supermercati anche a 3. Purtroppo la beffa è ben piu’ grande, perchè vado a fare la spesa, come tutti i comuni mortali e mi accorgo che….. reparto macelleria, prendo un petto di pollo al banco, confezionato con carta e sacchetto BIO. Vado al reparto pescheria, prendo del pesce, confezione carta e sacchetto BIO, non mi faccio mancare naturalmente un po di verdura o frutta, altro sacchetto BIO. Alla cassa il pensiero diventa realtà, reparto macelleria sacchetto BIO 4 centesimi, reparto pescheria sacchetto BIO 2 centesimi, reparto ortofrutta sacchetti BIO 2 centesimi, dove la metto la spesa. Mi puo’ gentilmente dare una busta, grazie? 14 centesimi…. La domanda nasce spontanea? Loro vogliono obbligarci e io che faccio ….pago. Al reparto macelleria chiedo al banco che la carne la voglio confezionata con la confezione da banco, polistirolo e nylon, e non la pago, in pescheria chiedo la stessa cosa, altrimenti il pesce lo lascio li, e la frutta? etichetto tutta la frutta e verdura singolarmente, sarà contenta la cassiera. Oltre all’enigma buste e autostrada, che altro dobbiamo scoprire in questa CACCIA AL “POVERO”.

 

( Cicchetti Ivan )

 

 

Commenti Facebook

About Ivan Cicchetti

Ivan Cicchetti
Nasce a Roma nel 1978, scrittore, poeta, novellista e librettista teatrale. Nel 2008 e nel 2009 è stato responsabile della sala stampa della mostra internazionale AQUILA ANTIQUA a L'Aquila. E' stato collaboratore di diverse testate giornalistiche abruzzesi. Da Settembre 2017 collabora come giornalista con la testata IL FARO 24 NEWS

Potrebbe interessarti:

ABRUZZO – NATI TRE CUCCIOLI DI ORSO NEL PARCO NAZIONALE

I cuccioli nati nel parco nazionale sarebbero tre,ad oggi,  un evento d’avvero notevole e di …