PESCARA. DIPENDENTE INFEDELE DI UN ESERCIZIO COMMERCIALE CHE APPROFITTAVA DELLA BUONA FEDE DI IGNARI CLIENTI PER SVUOTARE IL LORO CONTO CORRENTE


L ‘attività investigativa, svolta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara, si è conclusa con la perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della  Procura  della  Repubblica  di  L “Aquila, durante  la quale  è stato sequestrato  materiale  cartaceo relativo a numerosi conti correnti bancari e dispositivi informatici.

Le indagini della Polizia Postale sono scaturite dalla denuncia di una anziana signora la quale aveva segnalato di aver consegnato ad un esercizio commerciale di Pescara specializzato , tra le altre cose, nella risoluzione di anomalie tecniche e nella riparazione di smartphone , il proprio cellulare a causa del suo mal funzionamento.

La stessa mattina il telefono le veniva riconsegnato perfettamente funzionante.

Sullo smartphone era installata l ‘APP del proprio Istituto di Credito attraverso la quale la signora gestiva il proprio conto corrente bancario con la possibilità di operare on-line .

Pochi giorni dopo, scopre, l’amara sorpresa.

La signora veniva avvisata dai propri figli, autorizzati ad operare sui medesimo conto corrente, che erano stati disposti ben 8 bonifici fraudolenti , per oltre 22.000 euro, verso tre conti correnti sconosciuti .

II personate della Sezione Financial Cybercrime della Polizia Postale di Pescara avviava subito un ‘attività investigativa riuscendo a bloccare le somme depositate e al momento disponibili sui conti di destinazione . Questa consentiva di accertare che negli stessi giorni un altro pescarese aveva denunciato di aver subito due tentativi di frode, per fortuna non andati a buon fine; anche in questo caso 1’uomo aveva lasciato il proprio smartphone presso lo stesso esercizio commerciale per la riparazione , dando cosi la possibilità di effettuare due bonifici istantanei dal proprio conto bancario , tramite operatività on-line gestibile anche da App telefonica, per 3000 euro verso un conto sconosciuto.

Dopo diversi giorni un altro uomo denunciava di aver portato in riparazione il proprio  telefono cellulare sempre allo stesso negozio e che sull’apparato era presente , tra le altre, la APP della propria banca e i codici di accesso per home banking attraverso i quali gestiva il proprio conto corrente bancario.

Successivamente alla consegna dello smartphone riceveva un alert dalla propria banca per un bonifico fraudolento in uscita dell’importo di € 5.000,00, che riusciva fortunatamente a bloccare.

L ‘operazione fraudolenta era a beneficio di un conto che gli investigatori anche questa volta riuscivano a bloccare.

Le indagini hanno permesso di identificare il titolare dei conti di destinazione delle indebite disposizioni in un dipendente presente presso l ‘esercizio commerciale dove le tre persone avevano consegnato i propri smartphone e che aveva sottratto oltre 22.000 euro di cui 19.000 sono stati sequestrati grazie all’intervento immediato degli investigatori.

Alcuni suggerimenti per mantenerti al sicuro sulla rete internet.

  1. Tieni aggiornati i Sistemi Operativi dei tuoi computer e dispositivi mobili. Attiva gli aggiornamenti automatici in modo da ricevere le correzioni più recenti non appena disponibili.
  2. Installa un antivirus e un anti-malware, tenendoli costantemente aggiornati
  3. Imposta password complesse. Una password complessa e lunga almeno otto caratteri e include

un mix di lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali. Non memorizzare le password sui telefono, nelle note dello stesso o su foglietti cartacei. In caso di furto, smarrimento del telefono o se viene portato in riparazione, queste password andranno in mano a sconosciuti !!

  • Se prevista, attiva la c.d. autenticazione in due passaggi;
  • Attenzione alle truffe realizzate col c.d. phishing dove i criminali utilizzano e-mail, siti web fraudolenti, telefonate finte per indurre gli utenti a rivelare account privati o informazioni di accesso, password e codici dispositivi.
  • Non fare clic sui collegamenti ne aprire allegati o schermate pop-up da fonti con cui non si ha familiarità. Eliminare, senza aprirle, le numerose e-mail inviate da mittenti sconosciuti che riceviamo quotidianamente, in cui ci informano che abbiamo vinto qualcosa, che possiamo diventare ricchi ed altre fantastiche promesse.
  • Mantieni personali le informazioni sui tuoi account e sulla tua persona e sulla famiglia. Si possono utilizzare i profili dei social media per capire le tue password o rispondere alle domande di sicurezza previste dagli strumenti di reimpostazione della password. Blocca le tue impostazioni sulla privacy ed evita di pubblicare notizie come compleanni, indirizzi, cognome da nubile della madre, ecc. Fai attenzione alle richieste di connessione o contatto da parte di persone che non conosci.
  • Proteggi sempre la tua rete wireless domestica con una password. Quando ti connetti a reti Wi-Fi pubbliche, fai attenzione a quali informazioni stai inviando su di essa.
  • Acquista in sicurezza. Prima di acquistare online, assicurati  che il sito web del venditore

utilizzi una tecnologia sicura. Verifica prima le recensioni su internet sui sito in questione o sui venditore. Quando sei nella schermata di pagamento, accertati che l’indirizzo web inizi con https. Controlla se sulla pagina viene visualizzato il simbolo di un piccolo lucchetto chiuso.

Gli acquisti da privati non sono coperti da garanzia, sono ad alto rischio di incappare in un venditore disonesto, pertanto è richiesta una maggiore attenzione prima di procedere nel pagamento anticipato. Non pagare somme enormi prima di aver ricevuto il bene ed

essere soddisfatto.

  1. Leggi le pelitiche sulla privacy del sito o le informazioni sulle condizioni di vendita. Se le

stesse sono lacunose o confuse, valuta di bene se procedere oltre.

  1. Se qualcuno ti chiama al telefono e ti propene degli investimenti finanziari con promessa di lauti guadagni, o navighi su siti web che propongono tali investimenti, considera che le imprese di investimento autorizzate ad operare in Italia sono esclusivamente quelle registrate alla Consob e alia Banca d ‘Italia. Pertanto tutti gli altri soggetti, in particolare se aventi sedi all’estero, possono essere abili truffatori. Le somme versate ad istituti bancari o soggetti esteri sono difficilmente recuperabili. Prima di investire fai verifiche sulla rete internet o parlane con persone qualificate.
Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24