PESCARA. FORZA ITALIA-LEGA SU ESITO ‘CASO’ MENSE SCOLASTICHE COMUNALI


“La linea tracciata dal centrodestra nella gestione dell’emergenza mensa scolastica ha consentito a una maggioranza spaesata di centrare l’obiettivo: oggi sappiamo che la ditta arrivata terza in classifica, la Serenissima, ha accettato di subentrare nell’appalto, ma sappiamo anche che, nell’attesa del riavvio del servizio, ufficialmente il 22 ottobre prossimo, la Asl ha dato il via libera al consumo del panino a scuola in sostituzione temporanea della mensa, sgravando le famiglie dall’onere di un continuo via-vai dalle classi. A questo punto spetta al sindaco Alessandrini accelerare le procedure in essere, da un lato riaprendo subito i termini per l’iscrizione alla mensa, dall’altro permettendo ai bambini, già dal prossimo lunedì, primo ottobre, di poter portare in aula la ‘seconda colazione’, concordando le modalità con i dirigenti scolastici, che, siamo certi, saranno pronti a venire incontro alle famiglie per appena venti giorni. La nostra soddisfazione sta nell’aver tutelato, con forza e determinazione, gli interessi di centinaia di famiglie, finite, loro malgrado, in un’emergenza che li ha visti vittime”. Lo hanno annunciato i Capigruppo di Forza Italia, Marcello Antonelli, e della Lega, Vincenzo D’Incecco, commentando l’esito delle ultime riunioni convocate su loro richiesta non solo con la ditta giunta terza, ma anche con la Asl e con i dirigenti scolastici.

“Dopo che la ditta giunta seconda alla gara d’appalto ha rifiutato di subentrare nel contratto rescisso con la Cir Food, il Comune ha aperto la trattativa con la Serenissima, la ditta arrivata terza alla gara d’appalto, che ha sciolto le proprie riserve accettando l’incarico, ma chiaramente siamo proprio sul fil di lana, con centinaia di famiglie che hanno iscritto i propri figli al tempo pieno, ma da lunedì non sanno se e cosa potranno mangiare – hanno ricordato i Capigruppo Antonelli e D’Incecco –. Abbiamo chiesto al sindaco di convocare un vertice con i dirigenti scolastici e con la Asl per individuare la possibilità di una soluzione ponte, ovvero provvisoria, che comunque permettesse alle famiglie di superare il momento di impasse e la soluzione è arrivata: la Asl ha dato parere favorevole alla possibilità di portare il panino da casa per il pranzo a casa, una iniziativa chiaramente temporanea che, comunque, andrà ad alleviare i disagi per tutte le famiglie coinvolte, in cui magari entrambi i genitori lavorano e non hanno modo e tempo di fare avanti e indietro da scuola anche per il pranzo degli studenti. Ora spetta al sindaco Alessandrini fare in fretta: Forza Italia e Lega chiedono che la misura del ‘panino’ o ‘seconda colazione’ possa essere operativo già da lunedì primo ottobre, in modo da dare una risposta, seppur provvisoria, all’emergenza esplosa quattro mesi fa. È compito del primo cittadino attivare ora la giusta mediazione con i dirigenti scolastici, fermo restando che non si può chiedere alle famiglie di attendere il 22 ottobre, ovvero la data indicata dalla Serenissima per l’apertura del servizio mensa. Nel frattempo vanno aperti entro quarantotto ore i termini per l’iscrizione degli studenti al servizio mensa in modo da dare alla ditta un’idea concreta di quanti saranno i fruitori del servizio, continuando a garantire – hanno aggiunto i Capigruppo Antonelli e D’Incecco – massima attenzione anche alle maestranze lavorative che vanno tutelate e che devono poter tornare presto al proprio lavoro”.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24