Pescara. Giornata del risparmio energetico. Il sindaco: “La città procede spedita verso gli obiettivi 20-20-20”.


 

Nella mattinata odierna si è svolto un incontro voluto dal sindaco Marco Alessandrini con le associazioni di categoria e ambientaliste radunate presso la Sala Giunta per illustrare a che punto sono le politiche del Comune di Pescara in merito alla qualità ambientale fissata dalla strategia europea 20-20-20 di riduzione dei gas serra. Durante l’incontro il sindaco ha tenuto una relazione per illustrare tutte le attività in corso e quelle da realizzare che si riporta in sintesi di seguito.

 

“Mobilità di area vasta e sostenibile, trasporto pubblico integrato, risparmio energetico e fonti di energia rinnovabile, piste ciclabili, riqualificazioni intelligenti, monitoraggio delle micropolveri.

E’ arrivato il momento di cambiare l’aria di Pescara. In vista della strategia di riduzione dei gas serra l’Amministrazione si rimbocca le maniche e fa il punto sulle cose fatte e da fare.

Partiamo dall’emergenza. Com’è noto, tutti i principali centri urbani del nostro Paese hanno registrato negli ultimi tempi allarmanti dati sul tasso di inquinamento atmosferico, con numerosi e ripetuti superamenti delle soglie massime giornaliere consentite di PM10. Tra questi centri troviamo anche la Città di Pescara, che nel solo mese di gennaio ha registrato undici superamenti, con ben otto giornate consecutive di cattiva qualità dell’aria. Per far fronte a tali emergenze il Comune di Pescara si sta dotando di un piano d’azione che punta alla difesa dell’ambiente e della qualità dell’aria e prevede diverse attività, che ci pone sulla buona strada del rispetto degli obiettivi europei 20-20-20, volti alla riduzione di gas serra e del consumo energetico e al soddisfacimento del fabbisogno di energia da fonti rinnovabili. Il 30 ottobre del 2011 si è giunti all’approvazione del S.E.A.P. (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile) da parte dell’allora Consiglio Comunale di Pescara, quale adesione al “Patto dei Sindaci”, un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea il 29 Gennaio 2008, nell’ambito della seconda edizione della Settimana europea dell’energia sostenibile e a cui hanno aderito sinora oltre 1.600 Comuni, mobilitando oltre 140 milioni di cittadini.

 

Le azioni SEAP già avviate. L’impegno del Comune di Pescara in tal senso prevede 27 Azioni specifiche: Ambiente urbanizzato (nuove costruzioni e ristrutturazioni); Infrastrutture urbane (teleriscaldamento, illuminazione pubblica; Pianificazione urbana e territoriale; Fonti di energia rinnovabile decentrate; Politiche per il trasporto pubblico e privato e mobilità urbana; Coinvolgimento dei cittadini. Brevemente, alcune delle iniziative già avviate riguardano:

Riduzione dei costi per la fornitura e gestione degli impianti di riscaldamento ed idrico sanitari, ottenuta attraverso   una ottimizzazione e razionalizzazione delle risorse disponibili, conseguendo solo per la stagione calore 2014-2015 un risparmio annuo di € 190.000,00, pari a circa il 18% delle spese sostenute nella stagione precedente e così per tutta la durata del contratto.

Riduzione dei costi di fornitura di energia elettrica e di manutenzione degli impianti di illuminazione degli edifici pubblici. Il Comune di Pescara già dal lontano 2006 con l’affidamento a Pescara Gas delle reti della Pubblica illuminazione ha avviato un’operazione di efficientamento e risparmio energetico di tutta la rete e attende di attivarne una ancora più ampia in attesa che si risolva il contenzioso legato alla gara, che consentirà ulteriori risparmi. Inoltre il Consiglio Comunale presto darà il via al passaggio a Pescara Gas anche della gestione della pubblica illuminazione di 115 edifici pubblici, soprattutto scuole. Ciò detto, in proiezione per il 2017 i risparmi complessivi saranno pari a 6.000.000 kwh su punti luce illuminazione pubblica, sperando che si completi l’intervento su tutta la rete; risparmi energetici pari a 485.000 kwh su scuole e 880.000 kwh su altri edifici pubblici e così per gli anni successivi.

Gestione e manutenzione degli impianti fotovoltaici, realizzati nel periodo tra il 2006 ed il 2009 ma che contiamo di riprendere e ampliare, i suddetti impianti hanno avuto accesso alle tariffe incentivanti del Conto Energia, e pertanto ogni anno, oltre a fornire un risparmio per le strutture scolastiche ove sono ubicati, consentono all’Amministrazione di beneficiare di un contributo annuo di circa € 25.000,00 per venti anni e 15.000 euro annui di risparmio in bolletta.

Il totale degli interventi sugli edifici pubblici, sull’illuminazione e sugli impianti fotovoltaici illustrati vedono il Comune di Pescara per i propri edifici in linea con l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nocivi del 20% entro il 2020, avendo già ridotto di circa 1.048 tCo2/anno le emissioni prodotte dagli edifici di pertinenza comunale, pari al 11% delle emissioni di partenza quantificate nel Piano di Azione per l’Energia Sostenibile redatto nell’anno 2009 (9.532 tCo2/anno).

Ottenimento di Titoli di Efficienza Energetica di cui al D.M. 20/07/2004, Il Comune di Pescara è stato accreditato nel 2014 (tra i primissimi Comuni italiani) per il Meccanismo di riconoscimento dei T.E.E. (Titoli di Efficienza Energetica, ovvero i Certificati Bianchi). A dimostrazione dell’impegno su tale terreno da allora ad oggi si è riusciti a raddoppiare il pacchetto iniziale di TEE e generare ulteriori risorse per il futuro.

Miglioramento dell’efficienza del servizio di monitoraggio della qualità dell’aria, attraverso una nuova pianificazione della distribuzione sul territorio di ulteriori centraline di monitoraggio di concerto con la Regione Abruzzo che permetterà altresì di ottimizzare i costi di manutenzione.

Le nuove proposte del SEAP da realizzare. Le strategie più “evidenti” alla comunità riguardano il settore mobilità. Su queste tematiche fondamentale sarà anche il raccordo con le città limitrofe e in tal senso Pescara dopo un decennio di assenza di iniziative pianificatorie per la mobilità di area vasta, torna ad essere protagonista, attraverso un incontro convocato per il prossimo 24 febbraio con tutti i Comuni dell’area metropolitana, per il necessario aggiornamento del Piano Urbano della Mobilità di Area Vasta redatto nel 2007.

DOMENICHE ECOLOGICHE. Fra le azioni di emergenza e di breve periodo, invece, figurano i provvedimenti limitativi del traffico: in dicembre abbiamo varato con la circolazione vietata a vetture vetuste, in gennaio l’adozione delle targhe alterne e a febbraio con l’istituzione fino al 31 marzo delle domeniche ecologiche. Inoltre per muoversi in città già dal sabato e per tutta la durata delle domeniche ecologiche Comune e TUA stanno sperimentando il Biglietto Unico Integrato a 1,30 euro, e lo sconto del 10 per cento per l’utilizzo dei Taxi. E’ inoltre vigente un’ordinanza per le zone a velocità 30 come richiesto dalle linee di intervento governativo per l’emergenza smog, varata in contemporanea con l’ordinanza che abbassa di un grado la temperatura delle caldaie negli edifici pubblici e privati e il piano di lavaggio ordinario e straordinario delle strade per abbattere il livello delle polveri.

PISTE CICLABILI. Per promuovere la mobilità alternativa e potenziare le reti e piste ciclabili cittadine esistenti abbiamo dato strada al progetto “Bici in rete”, finanziato dal Piano Triennale delle Opere Pubbliche che sta già connettendo tutte le piste ciclabili cittadine con un intervento pari a 750.000 euro. Accanto a questo viaggia anche il protocollo fra i Comuni di Pescara e San Giovanni Teatino per mettere in rete i propri percorsi a due ruote, finanziato per un ammontare di 1.300.000 euro ripartito in due lotti. Pescara, inoltre, sta partecipando al bando europeo Polaris con un progetto teso a collegare le zone collinari alla costa attraverso diverse modalità ci circolazione. A proposito di costa, resta infine l’attuazione della sezione pescarese del piano Bike to coast, pista ciclabile promossa dalla Regione, un intervento da 32,8 milioni, che per Pescara prevede solo il completamento della rete costiera già quasi completa e lo fa attraverso la Provincia per un importo di circa 400.000 euro.

Oltre alla rete ciclabile è previsto il potenziamento della sosta a due ruote, con l’acquisto di nuove rastrelliere per 50.000 euro. E in cantiere abbiamo progetti per una stazione di deposito e scambio bici, bike sharing e progetti di sensibilizzazione alla mobilità sostenibile che riguarderanno sia i dipendenti degli uffici pubblici che gli alunni delle scuole elementari e medie come il Pedibus, che troverà applicazione venerdì 19 con la giornata dedicata al risparmio energetico, ma contiamo di vederlo decollare con il nuovo anno scolastico.

PIANO TRAFFICO. In merito agli interventi di medio e lungo periodo che consentiranno un’azione strutturale sulla mobilità c’è la redazione del Piano Urbano del Traffico che a breve vedrà l’affidamento dell’incarico per aggiornare e, ove necessario, ridisegnare la circolazione cittadina.

TRASPORTO PUBBLICO. Per questa Amministrazione è fondamentale e centrale il potenziamento e l’efficientamento del trasporto pubblico, implementando un sistema integrato attraverso il biglietto unico e progetti capaci di rendere davvero capillare e più efficiente il servizio sull’intero territorio cittadino. Per questo partecipiamo unitamente alla Regione alla soluzione della vertenza filovia, con l’individuazione nuovo mezzo ecocompatibile che faccia cessare le polemiche e che finalmente doti Pescara di una infrastruttura che da Montesilvano arrivi a Francavilla e dal mare la colleghi all’entroterra, con lo scopo di rivoluzionare tutta la mobilità cittadina. A tal proposito si stanno prendendo contatti anche con il Comune di Milano per verificare l’efficienza di un mezzo ecologico operativo sulla loro linea 84 che potrebbe risultare interessante per le nostre esigenze, sia di economicità che di impatto ambientale, in alternativa ai mezzi finora proposti per il tracciato della strada parco.

PARCHEGGI DI SCAMBIO. Per un utilizzo pieno ed efficace di quest’asse strategico di mobilità avvieremo poi le procedure per la realizzazione di tre parcheggi di scambio ubicati a sud a San Silvestro, a ovest sulla Tiburtina (la City) e a nord presso le Naiadi. Una volta completati i progetti chiederemo alla Regione di sostenere questo sforzo che speriamo si completi con l’entrata in funzione del mezzo TPL da definire.

La viabilità cittadina troverà inoltre una sua definizione con la riqualificazione dell’area di risulta e la realizzazione dei parcheggi. A breve contiamo di rendere noto il relativo progetto di intervento che è strategico anche perché con l’entrata in funzione del Ponte nuovo, oltre a trovare un’identità alle aree, servirà a decongestionare il centro e collegare meglio la zona ovest della città a servizio di ospedale, polo formativo e industriale.

Questo dunque il pacchetto degli interventi che mirano a risolvere i problemi dell’aria derivanti dalla mobilità e da edifici e illuminazione pubblici, problemi che rappresentano però solo il 32,1 e rispettivamente l’1,7 e 11 per cento delle cause di inquinamento da Co2 del cielo di Pescara. Il restante 64 per cento deriva da emissioni di edifici residenziali e terziario e riguarda il settore Ambiente di cui andiamo ad occuparci ora, attraverso la presentazione di un’iniziativa strategica che se accolta positivamente dalla cittadinanza consentirà di registrare un abbattimento forte del Co2. Si tratta di un progetto teso alla messa in regola e all’efficientamento delle caldaie dei condomini che si chiama “Abitare sostenibile”.

E’ intenzione dell’Amministrazione varare una delibera di giunta che punta all’efficientamento energetico degli edifici nel territorio comunale. Lo scopo è quello di individuare soggetti idonei e qualificati (società ESCO) disposti a stipulare un’apposita “Intesa per la progettazione, realizzazione e gestione di interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici privati nella città ed incentivando l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile”, a costo zero per l’Ente e per l’utenza.

INCENTIVI A CALDAIE AUTONOME. Stiamo inoltre verificando se nel nuovo bilancio sarà possibile stanziare una somma per incentivare il cambio delle caldaie nelle abitazioni singole attraverso meccanismo di risparmio su alcune tasse comunali.

Sul piano urbanistico ed edilizio sono in corso studi di settore per redigere ed approvare un “Disciplinare tecnico per l’edilizia ad Emissioni Zero”, tramite la determinazione di regole e parametri che possano promuovere tali interventi prevedendo dei bonus che condivideremo e concerteremo a breve con tutte le forze presenti in Consiglio Comunale, sia per le nuove iniziative, ma soprattutto per la rottamazione di edifici inefficienti e la sostituzione di nuovi sistemi energeticamente efficienti ad emissioni zero.

ENERGIE ALTERNATIVE A FONTANELLE: è allo studio un progetto che porterà nel quartiere la possibilità di generare energia totalmente derivata da fonti rinnovabili. Si tratta di un “Impianto di produzione di energia totale a servizio di un quartiere Z.E.B. (zero energy building) per il nuovo P.P. Fontanelle”, progettato dall’Ufficio comunale Programmazione del Territorio. Il sistema proposto, è teso a rendere completamente autonomi gli edifici pubblici della zona (Città della Musica, Sede di Attiva, Scuole e Palestra comunale, Nuovo centro Sociale comunali) e il nuovo quartiere di Fontanelle.

VERDE PUBBLICO. accenno solo alla volontà di procedere alla piantumazione di nuovi alberi e vegetazione mangia smog, stiamo reperendo risorse sia dentro che fuori dal bilancio per rendere effettiva questa possibilità.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24