Quali sono i migliori prestiti sul mercato


Un universo composito ed articolato quello dei prestiti e finanziamenti. Un mondo fatto di tante sfumature e di prodotti per ogni necessità all’interno del quale l’utente rischia di perdersi se on guidato correttamente.
In linea generale si parla di prestiti con riferimento alla categoria di finanziamenti rivolta a soggetti privati o famiglie per esigenze di spesa immediate, come nel caso di acquisto di nuova casa, nuova auto, arredamento ecc… può capitare di dover ovviare a tali impellenze e di non avere sufficiente liquidità. Ecco allora che un prestito da restituire nel corso degli anni ad una percentuale stabilita torna estremamente utile.

Guida alla scelta del finanziamento
Come detto oggi sul mercato sono tantissimi gli strumenti disponibili e tra i quali scegliere. Nomi ormai noti e che rappresentano una garanzia per l’utente finale, come nel caso di questi prestiti di Findomestic ideali per chi abbia bisogno di piccole somme di denaro a fronte di una durata complessiva del finanziamento non eccessiva.
In sostanza è possibile personalizzare il proprio finanziamento a seconda della quantità di denaro che occorre e del tempo in cui spalmare la restituzione della cifra. A fare la differenza sarà quindi l’entità della cifra richiesta e la capacitò di rimborso della stessa da parte del cliente.
Ma quali sono più nel concreto gli aspetti da valutare al meglio quando si procede alla scelta di un finanziamento? Quali elementi devono essere tenuti in massima considerazione?


Cosa valutare per la scelta
Primo elemento da tenere a mente quando si valuta un finanziamento da richiedere, il TAN. Si parla del Tasso Annuale Nominale, ovvero il tasso di interesse al quale banche o finanziarie che erogano il prestito faranno riferimento per stabilire l’importo della rata. Ovviamente un TAN basso sarà maggiormente conveniente rispetto ad uno elevato.
Il TAN è senza dubbio l’elemento principale da tenere a mente quando si va a chiedere un finanziamento a banche o a finanziarie private; a corollario di tale dato da valutare anche le spese accessorie, che possono essere anche piuttosto salate (si veda ad esempio la spesa di istruttoria).
Analizzando tutti questi elementi di riuscirà ad avere un quadro maggiormente delineato del finanziamento che si sta valutando, della sua convenienza rispetto ad altri e della possibilità di rimborsarlo nel corso del tempo.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24