Radice di Yacon: proprietà ed effetti benefici, modalità di utilizzo e possibili controindicazioni


Variare la propria alimentazione non è dovuto solamente da una volontà di cambiare le proprie abitudini alimentari ma anche dalla necessità di introdurre attraverso i cosiddetti superfood tutte quelle sostanze benefiche utili per il funzionamento del nostro organismo.

Mantenere il proprio peso forma facendo attività motoria, seguendo un regime alimentare sano può essere difficile e a lungo andare può risultare anche noioso. Per fortuna esistono diversi alimenti come vegetali, ortaggi, legumi che possono rendere più appetitoso un piano alimentare, fornire calorie ed energie in grado di apportare possibili benefici al nostro organismo.

Tra questi alimenti troviamo la radice di Yacon un ortaggio molto particolare, simile alla patata che cresce nella Cordigliera delle Ande. Oggi si sta rapidamente diffondendo anche in Occidente, tanto da essere utilizzato sia in cucina che come ingrediente all’interno di numerose formulazioni naturali, per via delle sue proprietà. Scopriamo meglio che cos’è lo Yacon, come viene utilizzato e che tipo di controindicazioni può avere.

Che cos’è la radice di Yacon?

Lo Yacon è una pianta che cresce tra l’Argentina e la Colombia. Questo tubero veniva consumato durante gli eventi celebrativi più importanti della cultura Mocha, in Perù, e offerto agli dei dell’oltretomba per accogliere i morti. Tra i vari reperti storici dell’epoca, sono state ritrovate delle sculture che ritraggono questo tubero. Molto simile alle patate, possiede valori nutritivi similari anche se più croccante e con un sapore dolce che ricorda la mela e l’anguria.

Negli ultimi anni diversi esperti nutrizionisti hanno rivalutato le caratteristiche di questa pianta, tanto da consigliare il consumo delle radici all’interno di regimi alimentari personalizzati, per via delle notevoli proprietà che sembrano essere in grado di apportare possibili benefici sull’organismo.

Proprietà e possibili effetti benefici della radice di Yacon nell’alimentazione

Una delle principali caratteristiche della radice di Yacon è la presenza del potassio e dell’inulina, che lo rendono un buon alleato di trattamenti farmacologici e di regimi alimentari ipocalorici. L’inulina, una fibra vegetale che il nostro intestino non è in grado di digerire viene fermentata a livello del colon e quindi definita per questo motivo un “prebiotico” dall’elevato valore nutritivo.

Il contenuto dell’inulina rende piacevole il sapore della radice di Yacon, tale da essere considerato un valido dolcificante all’interno delle diete ipocaloriche. Oltre a dolcificare, la radice di Yacon viene anche utilizzata come ingrediente all’interno di prodotti naturali come Reduslim integratore in compresse, consigliati come coadiuvanti di percorsi alimentari dimagranti in cui è necessario associare uno stile di vita sano, equilibrato e una costante attività fisica. Puoi trovare maggiori informazioni riguardo l’integratore collegandoti sul sito reduslim.website.

I possibili effetti benefici della radice di Yacon sono legati alla presenza dell’inulina che appartiene alla famiglia delle fibre gelificanti, ovvero che a contatto con i liquidi forma un gel che può aumentare di volume, occupando maggiore spazio nello stomaco e provocando un possibile senso di sazietà.

L’utilizzo dell’estratto di Yacon all’interno delle pietanza può anche conferire ai piatti un tocco di esotico e contribuisce anche a ridurre il possibile consumo nell’arco della giornata di spuntini fuori pasto. Un’alimentazione poco equilibrata, uno stile di vita scorretto con consumo di alcol, fumo, stress possono provocare un cambiamento nel microbiota e favorire lo sviluppo di batteri che possono provocare danni e patologie. È bene sapere, infatti che l’inulina è un prebiotico, una sostanza che sembra essere in grado di aiutare a favorire il corretto sviluppo del microbiota.

Un’altra caratteristica della radice di Yacon consiste nella possibile attività di protezione nei confronti del diabete di tipo 2, una patologia collegata a diverse condizioni che possono contribuire all’aumento del peso e sfociare in patologie come obesità. Ecco perché in caso di sovrappeso e obesità gli esperti possono consigliare di associare a una alimentazione ipocalorica il consumo di integratori a base di Yacon.

Modalità di utilizzo

Al momento in base alla normativa vigente in UE è impossibile importare la radice di Yacon nel territorio ma tuttavia, in Italia si possono acquistare prodotti che la contengono come ingrediente. In particolare in commercio si possono trovare sciroppi dalla consistenza simile al miele, con un indice glicemico inferiore e che possono essere utilizzati come dolcificanti, anche da coloro che soffrono di diabete.

Lo sciroppo presenta le stesse caratteristiche dello Yacon e può essere utilizzato per dolcificare le bevande, piatti a base di carne, formaggi, sulle fette biscottate al posto del miele. Per fare sì che mantenga inalterate le sue proprietà, andrebbe utilizzato sui cibi o all’interno di bevande che non superino i 70°.

Inoltre, come abbiamo detto, è possibile anche acquistare prodotti da associare a regimi alimentari dimagranti, ovvero integratori alimentari naturali che combinano lo Yacon con altri eccipienti di origine naturale. L’assunzione di questi integratori è da intendersi come supporto alla propria alimentazione, praticando della costante attività fisica e all’interno di uno stile di vita sano.

Controindicazioni e possibili effetti indesiderati

La radice di Yacon non sembra avere particolari controindicazioni o effetti indesiderati, tuttavia è opportuno consultare il medico se si stanno seguendo delle particolari cure farmacologiche o assumendo integratori. Coloro che manifestano reazioni allergiche nei confronti delle piante di girasole, dovrebbero evitare di consumare lo Yacon. Se si decide di assumere integratori a base di Yacon è bene non superare le dosi consigliate, in quanto la sostanza può provocare effetti lassativi e problemi in coloro che soffrono di scariche diarroiche.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24