SALDI DI FINE LEGISLATURA: POSTI DI LAVORO COME SE PIOVESSE  E 5 PROJECT FINANCING. SI AVVICINA LA CAMPAGNA ELETTORALE E IL PD TORNA A PROMETTERE



MARCOZZI (M5S) “Nel DEF appena varato dal Governo M5S prevista cabina di regia per investimenti pubblici su ammodernamento ospedali. Perché Paolucci ha tanta fretta di affidarli al privato?”

 

“Ormai sono così prevedibili da poterci sincronizzare l’orologio: immobili per una intera legislatura ma quando si avvicina la campagna elettorale dal Pd arrivano roboanti promesse di posti di lavoro, assunzioni dei precari e investimenti. Manca solo la promessa di una mountain-bike con cambio shimano alle prime 10 telefonate”. La dissacrante affermazione arriva da Sara Marcozzi, consigliere regionale e candidato alla presidenza di Regione Abruzzo per il M5S che commenta le nuove promesse elettorali dell’uscente governo regionale. “L’Assessore Paolucci si ostina nella strada dello scellerato ricorso allo strumento del Project Financing benché sia chiaro, oramai anche alle pietre, quanto sia svantaggioso per le casse pubbliche e per la qualità dei servizi erogati. Inoltre, non tiene affatto conto di quanto previsto nel DEF appena varato dal Governo, in cui è scritto nero su bianco che “Una recente ricognizione effettuata dal Ministero della Salute ha rilevato un rilevante fabbisogno di interventi infrastrutturali in materia di edilizia sanitaria (…) Presso il Ministero della Salute, entro marzo 2019, si prevede l’insediamento di una ‘cabina di regia’ con il compito di selezionare le priorità del Paese, a partire dalle zone a maggiore rischio sismico, per implementare un piano pluriennale degli investimenti da realizzarsi nei prossimi anni. Anche per questi motivi è prevista la collaborazione e compartecipazione agli investimenti di altri soggetti istituzionali pubblici. Non si capisce, dunque, la fretta dell’assessore Paolucci di consegnare tutto nelle mani dei privati condannando la regione per i prossimi 30 anni a esborsi insostenibili” afferma Marcozzi.

 

E sulle assunzioni annunciate: “L’Assessore si ricorda oggi che negli ospedali manca personale o che ci sono centinaia di operatori sanitari precari al limite della schiavitù. Quando denunciavamo con forza queste situazioni in consiglio regionale dove si trovava? E’ tornata di colpo la memoria, forse dettata dalla propaganda pre-elettorale, che nel caso del PD  si traduce in un bluff di promesse che non saranno mantenute. Del resto l’Abruzzo sta ancora aspettando i 100mila posti di lavori annunciati dal Presidente D’Alfonso nella scorsa campagna elettorale. Le grandi manovre annunciate da Paolucci” conclude Marcozzi “sono irrealizzabili e nocive. Questo lui lo sa benissimo. Quello che non sa è che i cittadini non cascano più in questi tranelli, perché di promesse non mantenute da lui, dalla sua maggioranza e dal suo partito, gli abruzzesi ne hanno le tasche piene… anzi vuote”.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24