Sanremo chiama e Lazio e Abruzzo rispondono: Matteo Farge e Gli Zingari nel Bosco in versione Rock sul palco dell’Ariston


 

La competizione nazionale, nell’unica tappa abruzzese, parliamo di ‘Sanremo Rock’ – contest collegato a doppio filo al più grande Festival della canzone italiana – ha sfornato già i primi numeri e i primi talenti. Dall’Abruzzo, il cantautore Matteo Farge, nativo di Civita D‘Antino, e la sua band, Gli Zingari nel Bosco, di Sora, con una coppia di canzoni inedite, hanno strappato già un biglietto di sola andata per il palco sanremese in versione Rock.

Girato l’angolo musicale del Festival primario della canzone italiana, da 69 anni cresciuto e nutrito sul palco ligure dell’Ariston, si scopre la piazza viva di ‘Sanremo Rock’: una gara artistico-musicale a sé, nata dalla necessità preponderante di emersione di band “a volte sconosciute” che utilizzano ancora adesso un linguaggio musicale alternativo. Band, insomma, in cerca di un editore. O meglio di un’occasione.

E l’occasione è stata data, anche quest’anno, come ogni anno, dalla competizione per Abruzzo e Molise rock di Sanremo, nel cui circuito italiano, a sfidarsi, sono stati gruppi provenienti da ogni dove con l’unico scopo di strappare un biglietto di sola andata – con ritorno, magari, vittorioso, previsto – per il palco ligure di ‘Sanremo Rock’, festival gemellare al primo più in grande, rivolto alla musica d’autore. Le Finali Nazionali di Sanremo Rock, 32esima edizione, si terranno dal 4 al 6 giugno 2019, al Teatro dell’Ariston. La tappa live delle selezioni per Abruzzo e Molise, si è svolta il 14 dicembre scorso, a Celano, nei locali dell’Auditorium Fermi. I primi 3 gruppi classificatisi, sono stati prescelti dalla giuria per concorrere direttamente nelle dinamiche della fase finale del contest, che si terrà proprio a Sanremo. Otto gli artisti in gara per un concentrato di adrenalina rock sul palco, smossa solamente dalla passione effervescente. Ospiti della vetrina sanremese celanese sono stati: Riky Portera (uno dei più incisivi chitarristi italiani che la storia della musica non solo rock ricordi), Valentina Carati, il maestro Angelo Valsiglio, compositore e produttore nonché presidente di Sanremo Rock & Trend Festival, Cinzia Dominguez, ‘la cantante dalle due voci’ per il genere pop-lirico, Simone Gamberi ed, infine, gli EkynoxX.

Terzi classificati, e quindi in dirittura d’arrivo per le fasi nazionali finali: Matteo Farge e Gli Zingari nel Bosco (Dino Morelli, Recchia Romeo, Sandra Sulpizio, Daniele Loreti, Cristian Del Vecchio e Nino Viglietta), artisti a metà strada fra l’Abruzzo montano e il Sorano, che viaggeranno sino alle coste liguri per esibire il senso artistico delle proprie canzoni inedite; prima partecipazione per loro al ‘Sanremo Rock’ d’Abruzzo, ma il rock della loro squadra musicale non ha lasciato di certo indifferenti.

Il Festival ‘Sanremo Rock’ nasce, di fatti, proprio con l’obiettivo di fondo di far emergere nuovi gruppi musicali nel panorama nazionale. La vetrina offre ai giovani di giocarsi i propri assi nella manica e di dimostrare a giuria e giurati di possedere le famose attitudini rock e cantautoriali. Leo Giunta è il responsabile organizzativo del Festival, mentre Tony Orlandi è stato l’esclusivista del marchio ‘Sanremo Rock’ proprio per l’Abruzzo. «Un’esperienza unica, che ha segnato, senza dubbio, l’avviso di un sogno musicale, ma anche cantautorale. – esprime Matteo Farge, frontman e autore dei brani – Noi siamo arrivati terzi nella competizione abruzzese e questo ci permetterà di accedere direttamente al contest finale dell’Ariston. Siamo una composizione fresca di genesi, ma tentiamo solo di portare sul palco le voci della gente che crede ancora nelle verità del cantautorato di una volta,  quello che faceva sognare e vivere assieme, che era capace, insomma, in un’espressione, di rimettere l’anima in pace col mondo. Vorremmo essere la voce del popolo, a noi interessa comunicare con la gente che si alza tutte le mattine, combatte e spera prima di andare a dormire, coloro, cioè, che non hanno mai potuto dire la loro; speriamo solo di non deludere, nella finale, chi crede in noi. ‘K2’ è il titolo del singolo dedicato a chi, nella vita, ha preferito scegliere la via lunga per la breve, con l’obiettivo di far felice prima se stesso – anche se senza gloria di popolo – e poi gli altri; ‘Rebecca’, invece, è una specie di critica edulcorata della società attuale, della falsa realtà e delle bugie ingabbiate fra selfie non spontanei, apparenti modi di essere e specchi ingannatori. L’appuntamento sarà per il mese di giugno prossimo: la musica per noi cosa significa? In una parola: semplicemente verità; se anche la musica dicesse bugie, allora è veramente finita», conclude.

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24