TRASACCO. AGGRESSIONE A DON FRANCESCO, LOBENE: “LA SUA FORZA, UN ESEMPIO”


POI, L’APPELLO: “NON ACCUSARE LA FAMIGLIA DELL’AGGRESSORE”



Trasacco. Migliorano le condizioni di salute di Don Francesco Grassi, dimesso dall’ospedale civile di Avezzano e tornato a casa sua, a Trasacco. Anche se ancora scioccato e impaurito per l’accaduto, il parroco ha scelto di reagire immediatamente all’episodio e di stare vicino alla sua comunità che, in queste ore di grande apprensione, si è stretta attorno a lui. Nella mattinata ha ricevuto i parenti stretti del suo aggressore, con i quali ha interloquito a lungo in un momento di grandi emozioni.

“Don Francesco è il nostro parroco nonché un punto di riferimento per la collettività e per tutto il tessuto sociale di Trasacco. E’ la nostra guida spirituale e il nostro confidente ma, soprattutto, è nostro amico. Quanto accaduto è ingiustificabile e ci ha scossi tutti nell’anima, ma il suo coraggio e la sua voglia di lasciarsi alle spalle questo brutto episodio sono un esempio da seguire. Lo aspettiamo a braccia aperte, desiderosi di vederlo presto al suo posto nella nostra bellissima chiesa. Al tempo stesso mi appello a tutti affinché i famigliari dell’aggressore non vengano coinvolti in questa vicenda, poiché estranei ai fatti e senza alcun legame con l’accaduto. Invitiamo alla preghiera ed alla vicinanza alla famiglia”, dichiara il sindaco di Trasacco, Cesidio Lobene.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24