TRASPORTO PUBBLICO ABRUZZESE: “LA REGIONE NON HA CONSIDERAZIONE DELLA MARSICA”


Abruzzo. Sul tema del trasporto pubblico abruzzese ed i recenti risvolti in merito ai tempi di percorrenza e alle fermate, i consiglieri Mazzocchi e Alfonsi si sono espressi attraverso un comunicato stampa: “In tema di trasporti ultimamente c’è un ribollire di notizie che forse vanno contemperate in una programmazione meno febbrile e più concreta. Per evitare di fare una guerra tra poveri c’è da rivedere l’intero comparto trasporti gomma rotaia della Marsica. Il servizio (di qualità, come si spera che sia offerto) è ambìto tanto a Tagliacozzo, quanto a Celano o ad Avezzano e, magari, se migliorano i tempi di percorrenza, anche coloro che utilizzano l’auto propria potrebbero essere interessati a cambiare abitudine. Non è più tempo di cercare il contentino per la propria zona elettorale di riferimento, per quanto possiamo esserne tentati, ma tutta la Marsica deve rientrare in un piano organico tale che sia ottimizzata l’offerta di trasporto ai tanti utenti che pretendono, giustamente, attenzione e razionalità dalle scelte aziendali e politiche. Ma ciò che sorprende è che dei rappresentanti della sinistra regionale sono dovuti intervenire per puntualizzare al Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, che il treno ‘veloce’ deve far tappa anche nella Marsica. Questo la dice lunga sulla considerazione che questa amministrazione regionale di centrosinistra ha del nostro territorio” affermano Felicia Mazzocchi (NCD) e Gianluca Alfonsi (FI). “Si è partiti con la nuova, ma già vecchia, TUA (ex ARPA) per il trasporto su gomma con i maggiori tagli sulle corse previsti proprio nella Marsica. Ora tocca anche ai treni? Questo è il progetto Marsica? Il tutto nell’assenza di interventi degli esponenti politici del Pd locale come, il sindaco di Avezzano, Gianni Di Pangrazio e il Presidente del Consiglio Regionale, Giuseppe Di Pangrazio. Peraltro  la città e l’intera Marsica in questo tema ancora sono in attesa della più volte annunciata apertura dell’interporto, una struttura molto presente nelle loro campagne elettorali e ora stipata nel dimenticatoio”.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24