TRUFFA AI DANNI DELL’UNIONE EUROPEA, CONFISCATI BENI AD UN IMPRENDITORE DEL SETTORE OLEARIO


GIULIANOVA. Beni per 324 milioni di euro confiscati dalla Dia di Reggio Calabria ad un imprenditore oleario Vincenzo Oliveri, morto il 14 gennaio scorso, tra questi un resort di lusso a Giulianova (Teramo).

Secondo quanto é emerso dalle indagini, questi soldi potrebbero essere il provento di una serie di truffe ai danni dell’Unione Europea, somme riconducibili adesso, dopo la morte di Vincenzo Oliveri, agli eredi   la moglie, Domenica Rosa Carnovale ed i figli Giovanni e Matteo Giuseppe.

15 le società toccate dal provvedimento di confisca, realtà produttive operanti nei settori agricolo-oleario e turistico-alberghiero più diversi immobili in Calabria, oltre 80,Toscana e Abruzzo.

 

 

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24

Potrebbe interessarti:

PESCARA. AL VIA IL CORSO PER L’ABILITAZIONE ALLA VENDITA E SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

La Confcommercio, per il tramite della società Cat Ascom Servizi, organizza corsi riconosciuti dalla Regione …