Sondaggio elezioni regionali abruzzo 2019

I cani da valanga: angeli a 4 zampe


Sono conosciuti come cani da valanga o del soccorso alpino: sono cani speciali che con il loro fiuto riescono a salvare centinaia di vite sepolte sotto valanghe o sotto macerie causate da frane e terremoti.
Sono loro, insieme ai propri amici umani, che rappresentano l’eccellenza, il perfetto affiatamento che nasce dalla collaborazione uomo-cane. In principio venivano utilizzati soprattutto i San Bernardo (classici dei film di un tempo), ma oggi le unità operatrici utilizzano soprattutto i Pastori belga dall’olfatto infallibile, i Labrador ed i Pastori tedeschi.

Ma più che ad una razza specifica si bada a determinate caratteristiche fondamentali che li rendano adatti a questo tipo di lavoro e al difficile addestramento.

L’addestramento alla ricerca di dispersi inizia fin dai primi mesi di vita, con giochi adatti ad accrescere queste capacità e che li rendano pronti a tutto. Sono cani dotati di un coraggio particolare, abituati a lavorare su terreni impervi e ad arrampicarsi sulla roccia con l’imbracatura, pronti a seguire il proprio conduttore ovunque, perfino a farsi calare da un elicottero per arrivare dove i soccorsi non arriverebbero altrimenti.

L’utilizzo dei cani nelle squadre del Soccorso alpino italiano risale all’aprile del 1960 in Alto Adige, quando un giovane meticcio si mise a scavare ed abbaiare nel punto in cui l’anno precedente era caduta una slavina. Il compagno umano, incuriosito dall’atteggiamento dell’amico peloso, lo aiutò a scavare e con stupore rinvennero il corpo del parroco che in tanti avevano cercato a lungo. Da questa esperienza iniziò un percorso di formazione che porto nel 1966 in Alto Adige,nella cittadina di Solda, alla creazione del primo corso nazionale per unità cinofile.

 

Lamberto Pascucci

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24