CHIUDE IL TRAFORO DEL GRAN SASSO. A RISCHIO LE URGENZE DA L’AQUILA A TERAMO PER CARDIOCHIRURGIA


Secco no della dr.ssa Santini, direttore generale facente funzione dell’azienda.

Domani le Asl di Teramo e L’Aquila sul problema avranno ulteriori contatti con la Regione dopo quelli dei giorni scorsi”

LA ASL AVEZZANO-SULMONA-L’AQUILA CONTRO LA CHIUSURA DEL TRAFORO GRAN SASSO: “A FORTE RISCHIO LE URGENZE DA L’AQUILA A TERAMO PER CARDIOCHIRURGIA E CHIRURGIA TORACICA E, IN DIREZIONE INVERSA, PER  RADIOLOGIA INTERVENTISTICA E TIN”

“Inoltre lo stop alla circolazione del tratto penalizzerebbe ulteriormente i residenti delle zone interne, già gravati da alti costi per la fruizione di alcune prestazioni e chi si sposta per lavoro da un versante all’altro”

L’AQUILA – “Non sarebbero più garantite le prestazioni salvavita perché i percorsi alternativi sono impraticabili”.

La direzione della Asl, Avezzano-Sulmona-L’Aquila, per bocca della dr.ssa Simonetta Santini, direttore generale facente funzione, pronuncia un secco no alla chiusura del traforo del Gran Sasso preannunciato, per il 19 maggio prossimo, dalla società che gestisce la strada dei parchi.

“Gli interventi d’urgenza, dall’ospedale di L’Aquila a quello di Teramo”, afferma la Santini, “sarebbero a forte rischio poiché i ritardi  nel trasporto del paziente metterebbero a repentaglio la vita del malato o, più realisticamente, potrebbero causarne il decesso durante il tragitto”

“La nostra Asl, per affrontare specifiche emergenze”, dice la Santini, “ha una convenzione con la Asl di Teramo per la cardiochirurgia e per la chirurgia toracica, branche di cui il San Salvatore è privo. Identica problematica, in senso inverso, vale per l’ospedale di Teramo che, non disponendo della radiologia interventistica e della Tin (terapia intensiva neonatale) deve rivolgersi al presidio del capoluogo regionale. Cosa accadrebbe su entrambi i fronti, con le ambulanze impossibilitate a transitare sull’autostrada e a trasferire velocemente i pazienti nei tempi compatibili per salvare la vita dei malati?”

“Oltre a questo importante, prioritario aspetto, l’interruzione della viabilità penalizzerebbe ulteriormente i residenti delle zone interne, già gravati da costi assai esosi nella fruizione  di alcune prestazioni sanitarie”

“Da ultimo va considerato un ulteriore disagio, in termini di percorrenza, tempi e spese, per gli operatori sanitari del versante teramano e aquilano che ogni giorno si spostano da una parte all’altra per raggiungere i rispettivi ospedali e, in generale”, conclude la Santini, “per tutti i cittadini che devono raggiungere posti di lavoro nelle aree delle due province”

Intanto domani le Asl di Teramo e L’Aquila, insieme con l’assessorato regionale alla sanità, avranno ulteriori contatti sul problema dopo quelli dei giorni scorsi.

Commenti Facebook

About Redazione - Il Faro 24

Redazione - Il Faro 24